Borsa: Milano in perdita (-1,5%), in sofferenza le banche

Male petroliferi e industria, in rialzo i farmaceutici

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - Leggero miglioramento, nel quadro negativo, per Piazza Affari (-1,5%), dove continuano a pesare le incertezze sul governo, con Moody's che lancia un monito sui rischi per il rating, se non venissero spesi i soldi del Recovery, e i problemi del Covid 19, vaccini compresi, come nel resto d'Europa.
    Il mercato vede in coda i petroliferi, con Saipem (-3,6%), Tenaris (-3,2%) e Eni (-1,8%), col greggio che riduce il calo (wti -0,9%) a 52,6 dollari al barile. In fondo al listino principale Leonardo (-3,9%) e nell'industria male anche Prysmian (-1,3%), tra i semiconduttori Stm (-2,1%). In sofferenza le banche, con lo spread salito a quasi 126 punti, a partire da Unicredit (-3,3%), Banco Bpm (-3%), Bper (-2,8%) e Intesa (-1,9%). TRa le assicurazioni giù Unipol (-1,5%) e Generali (-1%), mentre un report di Berenberg evidenzia come la compagnia abbia il più elevato rendimento dei dividendi e un coefficiente più elevato di solvibilità rispetto ai competitor europei.
    In positivo nel listino principale solo Inwit (+1,2%), insieme ai farmaceutici, Diasorin e Recordati (+0,3% entrambi).
    Non troppo in calo Atlantia (-0,3%), col dossier Aspi a rilento.
    Male auto e componenti, da Stellantis (-2,7%) a Pirelli (-3,2%).
    In perdita per il secondo giorno Autogrill (-4,5%), dopo l'annuncio di un aumento di capitale. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie