Borsa: Milano chiude debole (-0,46%), giù Bper, Mps ed Eni

Sprint A2a, Tim, Pirelli ed Stm, calo greggio frena Saipem

(ANSA) - MILANO, 26 NOV - Ha chiuso in calo Piazza Affari la penultima seduta della settimana (Ftse Mib -0,46%), priva dell'apporto di Wall Street, chiusa per il Giorno del Ringraziamento. Una circostanza che ha influito sugli scambi, inferiori ai 2 miliardi di euro di controvalore, contro gli oltre 3,3 delle ultime due sedute. Stabile a quota 119 punti lo spread tra Btp e Bund tedeschi, mentre il greggio (Wti -1,7%),è sceso sotto la soglia dei 45 dollari al barile. Segno meno per Bper (-2,59%), epicentro di possibili operazioni con Banco Bpm (-1,62%), Mps (-3,33%) e Bps (-0,42%). In controtendenza Creval (+1,3%), a 1 euro sopra i 10,5 euro dell'Opa di Credit Agricole (-0,47% a Parigi). Debole Unicredit (-2,46%), più cauta invece Intesa (-0,67%).
    In controtendenza A2a (+4,18%), dopo un accordo con Ardian sull'idrogeno verde, Tim (+3,92%), spinta dal via libera dell'Ue alla creazione di Fibercop, Pirelli (+2,4%) ed Stm (+1,75%), spinta dal rialzo da 35 a 40 euro del prezzo obiettivo da parte degli analisti di Liberum e da indiscrezioni su un contratto con SpaceX. Acquisti anche sui farmaceutici Diasorin (+1,02%) e Recordati (+0,99%), mentre hanno segnato il passo Saipem (-2,13%), Eni (-1,32%) e Tenaris (-1,36%). Segno meno per Leonardo (-2,12%), Mediolanum (-2,11%), Unipol (-1,91%), Cnh (-1,62%) Atlantia (-1,58%) e Prysmian (-1,43%). Debole Fca (-0,73%) insieme al resto del settore in Europa, poco mossa invece Ferrari (-0,34%). Scivolone di Autogrill (-4,57%), opposto l'andamento di Fnm (+4,67%), che ha presentato il treno a idrogeno che entrerà in servizio sulla Brescia-Iseo-Edolo in Valcamonica. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie