Borsa: Europa debole, guarda futures e piano Usa, Milano -1%

A Londra oltre a covid resta incognita Brexit

(ANSA) - MILANO, 21 OTT - Le borse europee si confermano deboli a metà giornate combattute fra il peso da dare all'epidemia covid che continua a crescere e l'ottimismo che si respira da qualche giorno negli Usa sul varo di un piano di rilancio per l'economia americana prima delle elezioni presidenziali del 3 novembre. A Londra, in calo fin dall'avvio della seduta (-1,1%), pesa, oltre ai gruppi minerari Fresnillo e Centaim, anche il fattore Brexit sebbene le parole del capo negoziatore della Ue, Michel Barnier al Parlamento europeo col riconoscimento dell'importanza della sovranità del Regno Unito fanno sperare in una possibile ripresa dei colloqui commerciali dopo la sospensione decisa da Boris Johnson la scorsa settimana.
    Per il resto i listini si muovono quasi appaiati mentre i futures Usa in leggero calo preannunciano un avvio debole a Wall Street. Milano cede l'1% con Atlantia in calo dell'1,85% e Bper sempre maglia nera (-4,9%). Cede l'1% ache Parigi dove si conferma in rialzo Vivendi (+2,2%) grazie ai conti oltre le aspettative e non fa molto meglio Francoforte (-0,86%).
    Prevalgono gli acquisti in tutti i settori accetto tlc e media.
    (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie