• Dl aprile: verso nuovo stop ai licenziamenti. Altri 15 giorni congedi speciali, uso fino a settembre

Dl aprile: verso nuovo stop ai licenziamenti. Altri 15 giorni congedi speciali, uso fino a settembre

Il viceministro dello sviluppo Buffagni: 'Agli autonomi 7-800 euro, favoriremo i meno ricchi. Norme nel dl aprile, chi ha redditi alti non ne ha bisogno subito'

Niente licenziamenti, probabilmente per altri due mesi. Il governo, secondo quanto si apprende, dovrebbe inserire nel prossimo decreto di aprile la proroga della sospensione dei licenziamenti collettivi e dei licenziamenti individuali per giustificato motivo oggettivo (ad esempio ragioni inerenti all'attività produttiva, e all'organizzazione del lavoro) già inserita nel Cura Italia. La misura completerebbe il pacchetto di protezione del lavoro, che dovrebbe vedere uno stanziamento di circa 24 miliardi per il rinnovo di tutti gli ammortizzatori.

In arrivo con il decreto di aprile anti-Coronavirus, come annunciato dal ministro del Lavoro Nunzia Catalfo, il rinnovo dei congedi speciali e del bonus babysitter da 600 euro per aiutare i genitori con i figli a casa da scuola. Il congedo speciale, secondo quanto apprende l'ANSA, dovrebbe essere di altri 15 giorni retribuiti al 50% di cui i genitori (uno solo o dividendoli tra entrambi) potranno usufruire fino a settembre.

"Per le partite Iva c'è la parte di fondo perduto, che lo scorso mese è stata di 600 euro e questa volta dovrebbe essere aumentata a 700-800. Si stanno cercando le risorse ad hoc per ripartirle al meglio, garantendo però questa volta nella seconda tornata che si vadano a garantire queste risorse a quelli meno ricchi". Lo ha detto il vice ministro dello sviluppo Stefano Buffagni a 'Notizie Oggi' su Canale Italia 83. "Chi ha una dichiarazione dei redditi molto alta non credo che ne abbia totalmente bisogno nel breve", ha aggiunto.

"Si sta anche lavorando per capire come gestire successivamente a questa fase tutti gli eventuali ritardi di pagamenti. Si sta ragionando", ha detto il ministro, evidenziando che "nella seconda fase si ragionerà per capire come andare incontro a chi ha avuto difficoltà". "Siamo consapevoli che ci saranno alcune imprese che non ripartiranno, quindi il reddito di cittadinanza sarà uno strumento di sostegno nel breve, certo bisogna garantire una ripartenza sostenibile per quelle che invece potranno ripartire", ha aggiunto. Il vice ministro ha quindi rassicurato sul pagamento delle pensioni: "Non c'è questo pericolo. Certo è che tanti pensionati saranno ancora l'ammortizzatore sociale delle famiglie, soprattutto dopo questa crisi, perché tanti avranno difficoltà, quindi si figuri se andiamo a toccare i pensionati in questo momento".

"Finalmente l'acquisto delle mascherine e la disponibilità sia nei presidi sanitari, nelle Rsa, dopo il disastro fatto soprattutto in Lombardia, sono stati garantiti con l'arrivo anche dall'estero. Stiamo anche ampliando la produzione interna in Italia, con tutte le filiere, quindi anche la Camera della moda ha dato una mano e le aziende del settore moda e tessile, in modo che sul mercato siano accessibili con un tetto massimo di prezzo".

"E' come un'economia di guerra con un nemico invisibile - ha detto ancora Buffagni - che dobbiamo evitare di far ricrescere. Perché se gestiamo male la fase 2 rischiamo di rientrare e cadere di nuovo in una seconda fase del virus che farebbe dei danni economici incalcolabili oltre ad ulteriori morti". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie