• Confesercenti: il 35% delle imprese del commercio teme la chiusura

Confesercenti: il 35% delle imprese del commercio teme la chiusura

La preoccupazione ora è più la recessione che il contagio

Per far fronte alla caduta di fatturato oltre la metà delle imprese, emerge inoltre, valuta di utilizzare la possibilità di chiedere una linea di credito aggiuntiva pari al 25% del fatturato dell'anno precedente: il 23% ha intenzione di farlo subito, mentre il 30% è ancora indeciso. Ma gli interventi di sostegno messi in campo vengono bocciati dalle imprese: il 73% li ritiene "poco" o "per niente adeguati".
    "Le attività hanno già subito forti perdite e continueranno a subirne, in virtù della lentezza della ripresa e delle difficoltà, incertezze, ad essa collegate", spiega la presidente di Confesercenti, Patrizia De Luise. "Le misure messe in campo dal governo per assicurare liquidità alle imprese vanno accelerate e rese certe; ma non basteranno comunque a colmare i mancati ricavi e redditi. Servono - rimarca - forme di indennizzo o finanziamento a fondo perduto, commisurati al valore dei mancati redditi, per dare la possibilità alle imprese ed agli imprenditori di non chiudere definitivamente. Per avviare la fase di riapertura in sicurezza, invece, occorre accelerare sui protocolli di sicurezza per dare modo alle imprese di adeguarsi. Il che vuol dire anche metterle in condizione di poter avere a disposizione i presidi medici necessari garantendone l'approvvigionamento in maniera agevole e controllata, e sostenendo i costi dell'adeguamento attraverso credito d'imposta".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie