Due anni per tornare al Pil precedente all'epidemia

Con lo stop delle attività fino a maggio si perderanno 270 miliardi di fatturato delle imprese nel 2021

All'economia italiana occorreranno due anni per tornare ai livelli di Pil stimati fino a gennaio scorso, ossia ai livelli pre-Coronavirus. E' quanto indica il focus di Censis e Confcooperative, "Lo shock epocale: imprese e lavoro alla prova della lockdown economy", considerando una chiusura delle attività fino a maggio, con un ritorno alla normalità entro due mesi. Facendo un'ipotesi di impatto sul fatturato al 2021, lo scenario imputa allo shock Covid-19 "una mancata produzione di valore da parte delle imprese superiore ai 270 miliardi".

Poco più della metà delle imprese e dei suoi lavoratori non si sono fermati, riferisce il focus. "In qualche modo la fase 2 parte da qui, ma va alimentata con coraggio e decisione", commenta il presidente di Confcooperative, Maurizio Gardini. In particolare, secondo l'elaborazione, i provvedimenti di sospensione hanno fermato 2,3 milioni di imprese nell'industria e nei servizi (il 48,2% del totale), il cui peso in termini di fatturato in un anno è pari a 1.321 miliardi di euro (il 42,4% del totale del fatturato dell'industria e dei servizi). Le imprese 'attive' risultano 2,47 milioni, con quasi 9,4 milioni di lavoratori. I lavoratori fermi 7,3 milioni, (su un totale di 16,7 milioni di addetti). "Nonostante tutto va visto il bicchiere mezzo pieno, perché le giuste misure di contenimento del coronarivus non hanno bloccato l'intera economia", afferma Gardini, sottolineando il "contributo fondamentale" delle cooperative, che "non delocalizzano, ma creano lavoro e ricchezza in Italia".

"In condizioni di urgenza straordinaria il sistema necessita di misure straordinarie, coraggiose e soprattutto veloci che consentano di non spegnere i motori, altrimenti rischiamo, quando sarà passata l'emergenza, di lasciare sul tappeto un milione di imprese". Lo afferma il presidente di Confcooperative, Maurizio Gardini, riassumendo il quadro che si profila per l'economia italiana.

Di qui la necessità di mettere in campo "meccanismi che garantiscano liquidità immediata a tutte le imprese", sottolinea. "Vanno tenuti accesi i motori del sistema imprenditoriale - prosegue - per consentire la ripartenza appena sarà possibile e cercare il rimbalzo necessario per il nostro Pil. In caso contrario rischiamo di uscire da questo lockdown lasciando sul tappeto almeno il 20% delle imprese, poco meno di un milione di Pmi, con conseguenze indescrivibili in termini di fatturato, occupazione e tenuta sociale del Paese". E, a proposito di liquidità, "vanno saldati tutti i debiti della Pa", sottolinea ancora Gardini.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie