Inflazione: Istat, rallenta a marzo allo 0,1%

Stessa variazione prezzi anche su mese. Carrello della spesa accelera

A marzo l'inflazione, la variazione annua dei prezzi al consumo, segna un aumento dello 0,1% sia su base mensile sia su base annua dal +0,3% del mese precedente. Lo rileva l'Istat diffondendo i dati provvisori. La decelerazione è imputabile prevalentemente alla dinamica dei prezzi dei beni energetici non regolamentati (in calo da +1,2% a -2,7%) e dei servizi (da +1,0% a +0,6%); tali andamenti sono stati solo in parte compensati dall'accelerazione dei prezzi degli alimentari (da +0,4% a +1,2%) e dei tabacchi (da +1,5% a +2,5%).

L'inflazione della zona euro a marzo cala di mezzo punto percentuale rispetto al mese precedente, scendendo dall'1,2% allo 0,7%. E' la stima flash di Eurostat. Cibo, alcol e tabacco hanno il tasso annuale più alto (2,4% rispetto al 2,1% di febbraio), seguono i servizi (1,3% dall'1,6% del mese precedente), beni industriali non energetici (stabili allo 0,5%) e l'energia (-4,3% dal -0,3% di febbraio).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie