• Coronavirus, Von der Leyen: 'Lo stop al patto per gestire la crisi'

Coronavirus, Von der Leyen: 'Lo stop al patto per gestire la crisi'

'L'Italia potrà mettere nell'economia tanto denaro quanto serve'

La sospensione del patto di stabilità per gestire meglio la crisi dell'emergenza coronavirus, l'Italia potrà mettere nell'economia tanto denaro quanto serve, e i fondi strutturali inutilizzati potranno essere usati in tutti i settori prioritari. Lo spiega al Corriere la presidente della commissione Ue Ursula Von der Leyen, che ribadisce: nessuno stato membro può fronteggiare la minaccia da solo e ogni strumento utile sarà messo sul tavolo, si valuta anche l'opzione coronavirus bond. L'Italia? Un esempio meraviglioso per l'Ue per come affronta questa crisi.

"Il Patto è sospeso, ora il bilancio italiano può gestire la crisi. Fine degli egoismi". Così la presidente della commissione Ue Ursula von der Leyen sul Corriere della sera, dicendo che non permetterà mai che gli interessi dei singoli Stati prevalgano; e che si farà "tutto quanto è possibile per aiutare l'Italia. Siamo profondamente colpiti da come state affrontando questa crisi. Siete un esempio meraviglioso per il resto d'Europa. Lo ripeto: siamo tutti italiani". "Quello che tutti abbiamo capito - dice - è che nessuno Stato membro può fronteggiare questa minaccia da solo, dobbiamo lavorare insieme e aiutarci reciprocamente. Il virus non ha confini e l'Unione europea è più forte quando mostriamo piena solidarietà". Quanto ai coronavirus bond, "ogni strumento utile sarà messo sul tavolo. Sì, stiamo valutando l'opzione dei coronavirus bond. La Commissione concederà la massima flessibilità sugli aiuti di Stato e sul Patto di stabilità così il governo italiano potrà aiutare le imprese e il mercato del lavoro, e investire nel settore della sanità. Per la prima volta nella storia ho attivato la clausola di sospensione del Patto di stabilità. Significa che il governo italiano potrà mettere nell'economia tanto denaro quanto serve". Poi, prosegue, "abbiamo un'iniziativa per gli investimenti. Soldi che vengono dai fondi strutturali inutilizzati, che l'Italia non potrebbe più usare e che invece noi le lasciamo. I fondi potranno essere usati in tutti i settori considerati prioritari: sono 11 miliardi. In più attraverso la Banca europea per gli investimenti forniremo 8 miliardi di garanzie a livello europeo per i prestiti che le Pmi possono usare". Divisioni europee? "Non lo permetterò mai; dobbiamo tenere il mercato unico il più possibile operativo e fluido. Alcuni Stati membri hanno chiuso i confini interni: noi abbiamo immediatamente messo sul tavolo delle Linee guida per corridoi dedicati al trasporto delle merci essenziali e del materiale sanitario". "L'Unione europea è tutti noi - afferma - le crisi come questa ci fanno capire quanto preziosa sia la famiglia europea. È meraviglioso vedere la solidarietà tra i cittadini europei. Io credo che l'Unione europea ne uscirà più forte".

 

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie