Coronavirus: Bce pronta a nuove misure se necessario

Schnabel, ma serve solidarietà Ue

 "La Bce continuerà a monitorare da vicino le conseguenze per l'economia della diffusione del coronavirus ed è pronta ad aggiustare le proprie misure, se fosse opportuno, se questo dovesse salvaguardare le condizioni di liquidità nel sistema bancario e per assicurare una trasmissione fluida della sua politica monetari a tutte le giurisdizioni". E' quanto si legge in un comunicato della Banca Centrale europea.

"La Bce è pronta a fare tutto ciò che è possibile nell'ambito del suo mandato per contrastare il rigetto dei mercati, che può disturbare la trasmissione della politica monetaria. Altrimenti la politica monetaria non può funzionare". Lo ha detto alla Zeit Isabel Schnabel, membro tedesco del comitato esecutivo della banca centrale considerato vicino alle posizioni della Bundesbank. "Pare che non tutti i partecipanti del mercato abbiano capito subito le componenti del programma della Bce", annunciate giovedì scorso.

"Adesso serve la solidarietà europea, anche dal punto di vista finanziario". Lo ha detto Isabel Schnabel, membrob tedesco del comitato esecutivo della Bce, parlando alla Zeit, in un'intervista anticipata oggi dal settimanale in uscita domani. Schnabel ha sottolineato che la "politica monetaria non può ovviare da sola a questa crisi". "Abbiamo bisogno di una forte ulteriore risposta di politica di bilancio, ideale sarebbe a livello europeo", ha aggiunto.

La Bce limerà le previsioni di crescita per l'eurozona decisamente verso il basso. Lo ha annunciato Isabel Schnabel, membro tedesco del comitato esecutivo della Bce alla Zeit, in un'intervista in uscita domani anticipata dal settimanale. "Viviamo uno shock economico molto forte", ha affermato. Le possibilità di una recessione sono sensibilmente salite. Le ultime stime per questo anno erano dello 0,8%. "Questo è superato". "Dovremo certamente correggere le previsioni decisamente verso il basso", ha detto.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie