Economia
  • Manovra: Intesa su partite Iva e famiglie. Di Maio: 'Per Radio Radicale gara il 30 aprile'

Manovra: Intesa su partite Iva e famiglie. Di Maio: 'Per Radio Radicale gara il 30 aprile'

Braccio di ferro su Radio Radicale. Arriva stretta concessionari autostradali. Microtassa su cartine e filtri

Entra una nuova tassa su filtri e cartine per le sigarette 'fai da te', che 'salva' le sigarette elettroniche. Esce l'aumento da 50 a 150 euro delle imposte di registro per chi acquista casa. Entra anche un pacchetto per la Pubblica amministrazione green, con le nuove auto pubbliche che dovranno essere ibride o elettriche. E rischia di uscire il contributo per Radio Radicale, che alla fine resta per un anno in attesa di una gara. All'ultimo miglio continua a essere un puzzle in piena costruzione la prima manovra giallorossa che introdurrà, alla fine di una lunga trattativa, solo alcuni paletti per la flat tax per le partite Iva, a partire dal divieto di cumulo.

La manovra è praticamente definita, c'è l'accordo sulle partite Iva e gli ostacoli più grossi sono ormai superati. "E' pronta per essere inviata al Parlamento", ha detto il viceministro all'Economia, Antonio Misiani. Ma sullo sprint finale la maggioranza si e' inceppata sui finanziamenti per Radio Radicale anche dopo le parole di Luigi Di Maio

Giuseppe Conte si era impegnato a chiudere la manovra con il vertice convocato nel pomeriggio a Palazzo Chigi, ma l'incontro ha dovuto tenersi in due tempi, perché Luigi Di Maio Dà lo stop al rinnovo della convenzione con l'emittente: "Ci sono di nuovo 8 milioni di euro all'anno per tre anni a Radio Radicale. Ma diamoli ai terremotati...". La nuova rottura è stata sancita da un tweet del capogruppo dem al Senato, Andrea Marcucci: "Radio Radicale è viva, il M5S, che voleva chiuderla, ha già perso".

Poi la mediazione, in zona cesarini, che mette un tampone alla ferita dopo lo strappo del leader M5s. La manovra conferma lo stanziamento per Radio Radicale, ma il 30 aprile dell'anno prossimo il servizio andrà a gara: "E' finita la mangiatoia", ha commentato Di Maio. "In questa manovra ci saranno meno tasse, meno burocrazia e meno evasione fiscale - ha detto il premier Conte - Il Paese riparte con più soldi per famiglie, lavoratori e imprese".

Anche Di Maio ha confermato che il grosso del documento è definito. "Sulle partita Iva c'è l'accordo, con l'aliquota al 15 per cento - ha detto tornando a Palazzo Chigi per il secondo round - Saltano i limiti sui beni strumentali che si volevano mettere. Sul cuneo e sul fondo famiglie c'è l'accordo". Tutti provvedimenti che avevano creato non pochi ostacoli al percorso della manovra. E al tesoro si attendono il testo definitivo della legge di Bilancio ripulito dalla Ragioneria entro il primo novembre per poi trasmetterlo al Parlamento nei primi giorni della prossima settimana. Sotto pressione dentro e fuori il Movimento per la sconfitta in Umbria, Di Maio ha sottolineato le vittorie portate a casa dai Cinque Stelle con la manovra: la conferma tale e quale della flat tax per le partite Iva, ma anche il rifinanziamento di Quota cento e del reddito di cittadinanza. In quest'ottica si inserisce l'iniziale niet a Radio Radicale, un'altra storica battaglia pentastellata. Anche se l'uscita di Di Maio non pareva avere grandi possibilità di successo, visto che praticamente tutte le forze politiche, di maggioranza e opposizione, stanno dalla parte di Radio Radicale.

L'arroccamento del leader Cinque Stelle è sembrato quindi un modo per tornare allo spirito battagliero del Movimento, per ribadire le antiche posizioni. Ma anche - si ragiona in ambienti della maggioranza - per chiedere qualche concessione su altro. Su una manovra da 30 miliardi, riflettono gli alleati, appare sproporzionato far dipendere l'accordo da una convenzione da 8 milioni di euro. La battaglia, comunque, non si chiuderà con i vertici di maggioranza. I partiti anche di governo hanno già annunciato una raffica di emendamenti in Parlamento. "Proveremo a eliminare o ammorbidire tutte le cosiddette microtasse", come la sugar tax e la plastic tax, ha annunciato il deputato di Italia Viva Luigi Mrattin, e "presenteremo emendamenti per cancellare Quota cento, perché quando si crede in qualcosa, si porta avanti e si discute, è una battaglia di idee". Malgrado le acque parecchio agitate, Conte confida di avere a disposizione il testo definitivo a ore, per inviarlo al Parlamento a cavallo del Ponte di Ognissanti. L'ossatura del provvedimento l'ha illustrata in serata il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri. I 30 miliardi della manovra sono coperti "in grandissima parte dalla flessibilità europea, che vale circa 14 miliardi". Uno dei punti qualificanti è il taglio del cuneo fiscale per i lavoratori, che avranno "40 euro netti al mese in più in busta paga". C'è poi la fusione fra Imu e Tasi, che però non comporterà un aumento delle tasse: "Assolutamente no - ha detto Gualtieri - rimane tutto come adesso, sostanzialmente c'è l'abolizione della Tasi ma a gettito invariato". Dopo la manovra servirà una riforma dell'Iva. "E' cosa che va fatta - ha detto il ministro - ma va fatta bene, con calma, nel quadro di una riforma fiscale complessiva".

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie