Economia

Confindustria:Pil giù,incertezza Governo

Rischio più tasse. Non smontare riforma pensioni

(ANSA) - ROMA, 3 OTT - Il Centro studi Confindustria stima il Pil "all'1,1% nel 2018 e allo 0,9% nel 2019" in "ribasso di 0,2% punti" per entrambi gli anni rispetto alle previsioni di giugno.
    Le stime "non incorporano le intenzioni del Governo" in attesa della legge di Bilancio ma, tra vari fattori, "pesano" anche "l'aumento dello spread" e - spiega il capoeconomista Andrea Montanino - "l'incertezza" sulla "capacità del Governo di incidere sui nodi dell'economia" e sulla "sostenibilità del contratto di Governo" che causa "meno fiducia degli operatori".
    Per il CsC "l'aumento del deficit serve per avviare parti del contratto di Governo di sostegno al welfare", come su reddito di cittadinanza o pensioni, poi "molto difficili da cancellare se non in situazioni emergenziali. Ciò potrebbe portare a più tasse in futuro e ad aumentare il tasso di risparmio già oggi".
    Confindustria chiede di "non smontare le riforme pensionistiche perché ciò renderebbe necessario aumentare il prelievo contributivo sul lavoro".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie