Economia

Ddl Concorrenza: Federnotai, male aumento professionisti

Si rischia di concentrare nostra attività solo in grandi centri

(ANSA) - ROMA, 2 AGO - La legge sulla concorrenza appena approvata "contiene importanti novità relative all'esercizio e all'organizzazione dell'attività notarile", ma il punto su cui è più critica la posizione di Federnotai riguarda "le disposizioni sulla competenza territoriale del notaio e sul numero di professionisti in servizio". Così si legge in una nota dell'associazione dei notai in cui il presidente Carmelo Di Marco spiega che consentire al notaio di prestare la sua attività in tutto il territorio della regione di appartenenza "non semplifica realmente l'accesso al servizio da parte degli utenti". Permettendo l'utilizzo di un ufficio secondario in qualunque punto del territorio regionale, "si rischia di concentrare l'attività dei notai nei grandi centri e nei capoluoghi a discapito delle esigenze di chi risiede e opera nei piccoli centri", prosegue la nota aggiungendo che con la nuova legge il numero dei notai sarà programmato tenendo conto solo del rapporto con il numero di abitanti e non della domanda del servizio notarile rilevata in ogni territorio. Una norma "del tutto incoerente con quelle che in questi anni hanno previsto l'accorpamento delle strutture alle quali è affidato l'esercizio di funzioni pubbliche. Alla diminuzione del numero di ospedali, tribunali, scuole, camere di commercio si contrappone il possibile raddoppio delle sedi notarili", continua Di Marco.
    A proposito delle norme che impongono di separare dal patrimonio personale del notaio le somme affidate nell'interesse dello Stato o di terzi e - su richiesta di parte - i prezzi delle compravendite, il presidente di Federnotai conclude "non attengono al tema della concorrenza ma ci trovano d'accordo.
    Temiamo però che il sistema bancario non sia ancora attrezzato per assicurare una separazione patrimoniale effettiva e che l'applicazione di queste regole comporti un incremento dei costi". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie