Economia

  • Opa totalitaria di Sofil a 2,8 euro per azione su Parmalat. Sprint di Mediaset in piazza Affari

Opa totalitaria di Sofil a 2,8 euro per azione su Parmalat. Sprint di Mediaset in piazza Affari

Lactalis offre premio dell'8,5%,punta a revoca quotazione titolo

Sofil (Lactalis) ha annunciato un'Opa totalitaria sul 12,6% del capitale non ancora posseduto di Parmalat a 2,8 euro per azione, con un premio dell'8,5% sul prezzo di Borsa dello scorso 23 dicembre. Lo si legge in una nota in cui viene indicato che l'Offerta ha come obiettivo la revoca del titolo dal listino di Piazza Affari per "continuare a sostenere la crescita dell'emittente", ossia della stessa Parmalat.

L'offerta di Sofil, controllata dal Gruppo Lactalis tramite Bsa (famiglia Besnier), riguarda 287,3 milioni di azioni Parmalat non ancora possedute dal Gruppo francese, compresi gli oltre a 52,85 milioni di azioni destinate ai creditori di Collecchio e i 7,03 milioni di azioni a servizio dei warrant. Il Gruppo Lactalis ritiene che "nel lungo periodo" l'obiettivo di sostenere la crescita di Parmalat "possa essere più agevolmente ed efficacemente perseguito con una ristretta base azionaria, piuttosto che con un azionariato diffuso, ed in una situazione, qual è quella derivante dalla perdita dello status di società quotata, caratterizzata da minori oneri e maggiore flessibilità gestionale e organizzativa".

Con l'Opa, inoltre, la famiglia Besnier intende offrire agli azionisti di Parmalat "un'opportunità di disinvestimento da un titolo il cui andamento è stato caratterizzato da un esiguo volume medio giornaliero di scambi, a fronte del limitato flottante risultante a seguito della precedente offerta pubblica di acquisto volontaria nel 2011", che aveva portato gli stessi Besnier a controllare oltre l'87% di Collecchio. Esclusa per il momento una fusione di Parmalat con la società del gruppo Lactalis che lancia l'offerta, dato che ad oggi - precisano gli azionisti francesi di Parmalat, "i programmi dell'Offerente e del Gruppo Lactalis non prevedono operazioni di fusione che coinvolgano l'Emittente nel periodo temporale di 12 mesi dalla data di pagamento" dei titoli conferiti.

Improvviso sprint di Mediaset in Piazza Affari, dopo un avvio cauto. Il titolo guadagna l'8,33% a 4,33 euro dopo uno stop per eccesso di volatilità. I francesi di Vivendi (+0,08% a Parigi) si sono portati sulla soglia del 30% dopo un raid e possiedono anche il 24% di Telecom (+2,5%). Prima di Natale l'AgCom ha avviato un'istruttoria sulla posizione del Gruppo d'Oltralpe nelle due società e l'A.d. di Vivendi Arnaud de Puyfontaine è stato sentito in Consob.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie