Giulio Sapelli

Per economista Mps ha vento contro

"Marco Morelli sta facendo il giro delle 18 chiese, ma mi pare che il vento tiri contro". Per Giulio Sapelli il piano di salvataggio di Mps "è molto complicato e molto complesso. Richiede un grande sforzo del mercato per la raccolta del capitale". E poi c'è "un ulteriore elemento di preoccupazione", l'ispezione della Bce. "E' vero che in Toscana si mangia bene - dice - ma se gli ispettori sono lì da maggio può significare anche che qualcosa sta emergendo".
    Sapelli è un economista che parla senza filtri, che non usa giri di parole, che va dritto al punto. Insegna storia economica ed economia politica all'Università di Milano e conosce bene le vicende senesi, visto che dal 2000 al 2001 è stato presidente della Fondazione Mps, su nomina del ministero del Tesoro.
    Gli ispettori di Francoforte stanno studiando i crediti della banca che, però, sono già stati oggetto di diverse due diligence. "Effettivamente - spiega Sapelli - la Bce non ha più strumenti degli altri, ma magari possono esserci cose che finora non si sono volute trovare. In ogni caso, mi auguro che il cda di Mps chieda alla Bce di rendere noti i risultati, perché non è possibile affrontare un aumento di capitale così ingente avendo sulle spalle la scimmietta dell'ispezione".
    Fra le ipotesi allo studio di Mps c'è quella di lanciare la conversione volontaria dei bond senior. "E' un'operazione intelligente, giusta, tecnicamente ineccepibile - dice Sapelli - che permette di chiedere meno capitale. Ma dimostrerebbe che sono con l'acqua alla gola, che il tempo corre e che sono coscienti di chiedere un capitale superiore a quello che l'andamento attuale del mercato consente".
    Secondo Sapelli, il referendum non influirà sul futuro della banca senese. "Non c'entra nulla - dice - Spero che il Governo continui a fare il proprio lavoro, al di là del risultato. Anzi, Renzi dovrebbe mandare messaggi rassicuranti e dire che, comunque vada, non si dimetterà".
    Il futuro della banca? "Continuerà ad esistere anche se l'operazione di Morelli non andasse in porto - conclude Sapelli - Bisogna vedere in quali condizioni, con quali occupati, con quale ruolo. Ci sarà una nazionalizzazione o la trasformazione in banca territoriale con garanzia dello Stato. O prenderà tutto Jp Morgan con qualche azionista arabo".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie