Draghi: crescita sta tornando, avanti con l'unione monetaria

Il plauso di Lagarde: 'Ha difeso euro, è su giusta direzione'

''I progressi raggiunti negli ultimi tre anni per stabilizzare e rafforzare l'area euro sono reali. La crescita sta tornando. E non ci fermeremo fino a quando l'unione monetaria non sarà completa''. Lo afferma il presidente della Bce, Mario Draghi, ricevendo il Global Citizen Award dell'Atlantic Council.

''Quando l'integrità dell'euro è minacciata, lo è anche la crescita, globale''. Secondo Draghi ''il destino dell'Europa è di interesse dei suoi cittadini. Ma è di rilevanza anche per il mondo. L'Unione Europea e l'unione monetaria sono progetti regionali con implicazioni globali. Anche se l'area euro non ha dato un contributo importante alla crescita mondiale negli ultimi sette o otto anni, rappresenta il 17% del pil del mondo e il 16% degli scambi commerciali globali''.

Lagarde plaude Draghi,ha difeso euro, è su giusta direzione  - Mario Draghi è un ''fantastico banchiere centrale, un cittadino del mondo''. Lo afferma Christine Lagarde, direttore generale del Fmi, consegnando al presidente della Bce il Global Citizen Award dell'Atlantic Council. ''Ha visione, coraggio e determinazione. Pochi hanno dimostrato una leadership e una determinazione come la sua. Ha difeso l' euro e spinto l'area euro nella giusta direzione'' mette in evidenza Lagarde, ricordando la 'famosa' frase di Draghi del luglio 2012 a Londra, il 'whatever it takes' per preservare l'euro. ''Ricordo il silenzio, e che avevamo un incontro dopo. Mario le tue parole muovono i mercati. Really? Mi ha risposto''. Lagarde, per introdurlo, pronuncia anche alcune parole in italiano: 'Buona sera'.

Biden, Draghi ha lavoro veramente difficile  - Mario Draghi, il presidente della Bce, ha un ''lavoro veramente difficile''. Lo afferma il vice presidente americano, Joe Biden, intervenendo alla cerimonia di premiazione per il Global Citizen Award dell'Atlantic Council.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie