Economia

Imu-Tasi, ultimo giorno per pagare l'acconto

Un fiume di quasi 12 miliardi dalle casse delle famiglie a quelle delle amministrazioni pubbliche

Per famiglie e imprese oggi, 16 giugno, è una giornata campale. Oltre all'Imu e alla Tasi dovranno pagare anche le ritenute e le addizionali Irpef, l'Ires, l'Irap, l'Iva e la Tari per un importo complessivo che sfiora i 50 miliardi di euro(per la precisione 49,74). Lo rileva la Cgia secondo la quale, in termini assoluti, l'imposta che peserà maggiormente sui bilanci delle aziende italiane sarà il versamento delle ritenute Irpef dei dipendenti e dei collaboratori delle imprese: queste ultime dovranno sborsare quasi 10,4 miliardi di euro.

Un fiume di quasi 12 miliardi dalle casse delle famiglie a quelle delle amministrazioni pubbliche
. Sono la Tasi e l'Imu sulle seconde case e sugli immobili di pregio, il cui acconto deve essere pagato entro oggi, in uno scenario di vera e propria giungla di aliquote diverse, all'interno della quale è difficile orientarsi. A fare i conti sull'ammontare complessivo delle due imposte è il Servizio politiche territoriali della Uil, secondo cui il conto tra Imu e Tasi per l'acconto di giugno sarà di quasi 12 miliardi di euro, di cui 9,7 per l'Imu e 2,3 per la Tasi (1,8 miliardi per la prima casa). Il costo medio complessivo per la Tasi sarà di 180 euro, di cui 90 da pagare il 16 giugno, ma si sale a 230 euro medi (115 euro in acconto) nelle città capoluogo, con punte di 403.

La tendenza, conclude il segretario confederale Guglielmo Loy, è di un aumento "seppur minimo" anche per l'incremento delle aliquote, che al momento sono state pubblicate solo da 1.490 comuni. Secondo i risultati della simulazione Uil, il costo maggiore in valore assoluto si registra a Torino con 403 euro medi a famiglia di cui 202 euro con l'acconto il prossimo 16 giugno; a Roma, invece, si pagheranno 391 euro medi (196 euro di acconto); a Siena 356 euro (178 euro di acconto); a Firenze 346 euro (173 euro di acconto); a Genova 345 euro (173 euro di acconto). Valori più contenuti, invece, si registrano in altri capoluoghi di provincia. Ad Asti il costo medio della Tasi sarà di 19 euro medi, cifra che sale a 37 euro medi a Trento, a46 euro ad Ascoli Piceno, a 57 euro a Catanzaro, a 60 euro a Cesena. Ragusa e Olbia sono le uniche Città capoluogo, nel 2014, a "Tasi zero". Per quanto riguarda l'acconto Imu sulle seconde case il costo medio è invece di 866 euro di cui 433 euro da pagare con l'acconto di giugno, con punte di 2.028 euro a Roma (1.014 euro l'acconto); 1.828 euro a Milano (914 euro di acconto); 1.792 euro a Torino (896 di acconto); 1.748 euro a Bologna (874 euro di acconto). La mappa delle aliquote sugli immobili produttivi, messa nero su bianco da Confartigianato, indica che a livello regionale la situazione peggiore è quella dell'Umbria (10,34 per mille), seguita da Campania (10,19) e Sicilia (10,16); le aliquote più basse sono invece in Val d'Aosta (8,16), Friuli Venezia Giulia (8,97) e Sardegna (9,05). Più tartassate le province di Trieste (10,99), Lucca (10,57) e Terni (10,54); Più clementi Aosta (8,16), Ogliastra (8,19), Oristano (8,25). Il fisco, sottolinea l'organizzazione degli artigiani, colpisce capannoni, laboratori, strumenti di lavoro: sugli immobili produttivi, rileva il segretario generale Cesare Fumagalli, "si concentra un prelievo fiscale sempre più forte, aggravato dalle complicazioni derivanti dalla giungla di aliquote diverse. E' assurdo tassare gli immobili produttivi delle imprese come se fossero seconde case o beni di lusso. Come si può essere competitivi con una zavorra tanto pesante sulle spalle? Che fine ha fatto l'annunciata riforma della tassazione immobiliare all'insegna della semplificazione e della riduzione delle aliquote?".

VEDI ALIQUOTE E DETRAZIONI

Lì dove la delibera è stata già pubblicata si pagherà in base alle nuove percentuali, mentre nei centri in cui la decisione non è ancora stata presa si pagherà lo stesso importo pagato nell'estate dello scorso anno, in base all'aliquota 2014 di fatto ancora in vigore. A metà dicembre poi, quando i contribuenti saranno chiamati a versare la seconda rata, si pagherà a conguaglio in base agli aggiornamenti che i Comuni avranno obbligatoriamente comunicato al Mef entro il mese di ottobre.

La Cgia calcola quindi che, alla luce di tutto ciò, visto che nel 2014 i sindaci hanno incassato dalla Tasi circa 4,6 miliardi di euro, di cui 3,3 miliardi relativi all'abitazione principale, i contribuenti verseranno entro il 16 giugno circa la metà di quanto pagato complessivamente nel 2014, ovvero 2,3 miliardi, di cui 1,6 miliardi sulla prima casa. Gli artigiani di Mestre lamentano però il fatto che, nonostante la legge abbia dato la facoltà ai Comuni di inviare da quest'anno ai contribuenti i modelli per il pagamento della Tasi già compilati, gli enti locali attivi in questo senso siano ancora pochi.

"Nella maggior parte dei casi, - afferma il segretario Giuseppe Bertolussi - anche quest'anno i proprietari di prima casa sono stati abbandonati a loro stessi". Quello che molti Comuni stanno probabilmente aspettando in attesa di deliberare le nuove aliquote è peraltro l'accordo tra governo e Anci sul cosiddetto "fondo perequativo" che permetterebbe alle amministrazioni locali di approntare specifiche detrazioni a favore di famiglie numerose e o fasce sociali in difficoltà. Lo scorso anno lo Stato ha accordato un "trasferimento" di 625 milioni di euro che quest'anno, secondo alcune indiscrezioni, potrebbe scendere a 500 milioni. Comunque "una boccata d'ossigeno" secondo la Cgia, che dovrebbe essere inserita nel decreto enti locali, in arrivo a breve sul tavolo del consiglio dei ministri.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie