Economia

Mutui: verso rate-light, ma solo per pmi 'virtuose'

Inoltre le Pmi non dovranno avere "esposizioni scadute e/o sconfinanti da oltre 90 giorni"

 Si chiude la prossima settimana l'accordo Abi-imprese-consumatori per il 'congelamento' per 3 anni della quota capitale di prestiti e mutui, per cittadini e imprese. Per le Pmi - recita la bozza di che l'ANSA è in grado di anticipare - potranno accedere solo quelle senza "posizioni debitorie classificate dalla banca come 'sofferenze', 'inadempienze probabili'". Inoltre le Pmi non dovranno avere "esposizioni scadute e/o sconfinanti da oltre 90 giorni".

    L'accordo, che attua una norma della Legge di Stabilità firmata da Francesco Cariello del M5S (comma 246), è denominato "Imprese in Ripresa" e riguarda appunto la sospensione e allungamento dei finanziamenti. Le operazioni - precisa la bozza - "saranno impostate su base individuale dalle banche o dagli intermediari finanziari che aderiscono all'iniziativa senza alcuna forma di automatismo nella concessione del credito o realizzazione dell'intervento". Inoltre nell'effettuare l'istruttoria, le banche si atterranno al principio di sana e prudente gestione, nel rispetto delle proprie procedure e ferma restando la loro autonoma valutazione.


    Le banche si impegnano quindi a fornire una risposta alle Pmi che chiederanno di aderire al 'congelamento' delle rate di norma entro 30 giorni lavorativi dalla presentazione della domanda o delle informazioni aggiuntive eventualmente richieste. Le parti - recita sempre la bozza di accordo - si impegnano a rivedere entro il 31 dicembre di ogni anno i contenuti al fine di migliorarlo ovvero adeguarlo a obblighi normativi e regolamentare. Resta ferma la possibilità di recesso motivato delle parti, entro il 31 dicembre di ogni anno.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie