Istat-Cnel: cala occupazione. Padoan:'Non usciti da crisi'

Aumenta povertà in famiglie con più di 3 figli. Giovani e laureati sempre più insoddisfatti vita. redditi in calo aumenta propensione al risparmio

Aumenta povertà in famiglie con più di 3 figli. Giovani e laureati sempre più insoddisfatti vita. redditi in calo aumenta propensione al risparmio.  

ROMA - Nel 2013 continua a calare l'occupazione con solo il 59,8% di occupati a fronte di un tasso medio pari al 68,5% nei Paesi Ue. Lo rileva il rapporto Bes 2014 Istat-Cnel che segnala "un preoccupante peggioramento della condizione dei lavoratori". L'instabilità dell'occupazione rimane diffusa: aumentano i lavoratori a termine di lungo periodo e cala la propensione alla stabilizzazione dei contratti temporanei. In aumento i lavoratori con titolo superiore a quello richiesto dall'attività svolta (22,1% nel 2013). Aumenta la povertà assoluta con un aumento di ben 2,3 punti percentuali nel 2012. La povertà coinvolge le famiglie più ampie con più di tre figli soprattutto se minori. Lo evidenzia il Rapporto Bes 2014 di Istat e Cnel. La quota di persone che vivono in famiglie assolutamente povere passa dal 5,7% all'8% e aumenta in tutte le ripartizioni territoriali, dal 4% al 6,4% nel Nord, dal 4,1% al 5,7% nel Centro, dall'8,8% all'11,3% nel Mezzogiorno. Migliora invece nel 2013 l'indicatore di grave deprivazione, che scende a 12,5% dopo aver toccato il 14,5% nel 2012. E' diminuita la quota di persone in famiglie che dichiarano di non poter sostenere spese impreviste, di non potersi permettere un pasto proteico adeguato ogni due giorni o di riscaldare adeguatamente l'abitazione. Giovani sempre meno soddisfatti della propria vita e delle prospettive future. Lo afferma il rapporto Istat-Cnel Bes 2014 evidenziando un crollo della soddisfazione nei giovani fra 20 e 24 anni, da 45,8% del 2011 a 32,5% nel 2013 Cala anche la soddisfazione dei laureati (da 43,4% del 2012 a 41,7% del 2013) e dei residenti del Nord (da 40,6% a 39,5% dopo aver perso più di 8 punti nel 2012) che tuttavia resta sopra la media nazionale (35%). Al Nord in calo anche quanti guardano al futuro con ottimismo (dal 27,1% del 2012 al 25,6% del 2013). La ricchezza netta complessiva degli Italiani cala del 2,9% nel 2012 anche se continua a restare tra le più alte d'Europa ma solo grazie all'elevata diffusione della proprietà dell'abitazione di residenza e dal contestuale elevato costo degli immobili e non per i redditi percepiti. Si tratta quindi di una ricchezza ferma, conservativa, che non incide sul cosiddetto "reddito reale disponibile" che è quello che influenza i consumi. Infatti fra i più ricchi d'Europa gli Italiani continuano a veder calare la spesa per i consumi. Nel 2013 aumenta anche la propensione al risparmio (+12,8%) e sembra leggermente diminuito (intorno al 5%) il ricorso all'indebitamento. "Le famiglie - osserva il rapporto Istat-Cnel sul Bes - hanno dunque contratto i propri consumi per poter risparmiare e indebitarsi meno".

Crisi: Padoan ancora non usciti del tutto

L'Italia e l'Europa hanno affrontato "una crisi profonda da cui non siamo ancora definitivamente usciti". Lo ha detto il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan alla presentazione del Rapporto sul benessere di Istat e Cnel, sottolineando che quando tornerà la crescita "dovremo guardare se il pil torna ai livelli di prima ma anche altre cose. Le grandi crisi sono anche momenti di cambiamento di paradigma". 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie