Cinque teen in lockdown, tra dramedy e sitcom

'Unlockdown' da 16/4 su Deakids. In cameo anche Fabio Volo

L'identita' di genere, l'ansia, l'isolamento virtuale, il bisogno di inclusione, il primo bacio, la paura di tornare alla normalità dopo il lockdown. Sono fra i temi toccati raccontando cinque adolescenti dai caratteri e le aspirazioni molto differenti, che passano insieme il lockdown, nel mix di "tween dramedy": (dramedy per i preadolescenti) e situation comedy di Unlockdown, la serie live action diretta da Gianluca Leuzzi (regista dei due film dei Me Contro Te) che dopo l'assaggio dei due primi episodi offerto a Pasqua arriva dal 16 aprile, ogni venerdì alle 19.05 su Deakids (Sky 601). Protagonisti di Unlockdown (ideata e curata da Alba Chiara Rondelli, Chief of Originals Officer per KidsMe) i teen Riccardo Antonaci (Jack), Emma Dalla (Michelle), Sebastiano Fighera (Leo), Alessandro Notari (Sam) e Margherita Rebeggiani (Martha).

Insieme a loro la over 18 Federica Lucaferri, nei panni della sorella 22enne di Jack, Lara, aspirante influencer, con l'amichevole partecipazione di Fabio Volo, nel ruolo di un vicino di casa che lascerà' il suo cane in affido per qualche giorno ai dirimpettai e Chiara Iezzi, mamma nella serie di Jack e Lara. "Vivere un lockdown in fiction come questo è stato molto più tranquillo e divertente di quello reale, avrei voluto che anche nella vita fosse così" dice sorridendo nell'incontro con la stampa in streaming Riccardo Antonaci, interprete nella storia del 15 enne Jack, "il padrone di casa, un ragazzo ricco di buone qualità, ma 'tappetino' con la sua ragazza, alla quale non riesce a tenere testa". Il bello di Unlockdown è "che tira fuori le nostre vere emozioni vissute in pandemia, come la perdita di vita sociale. Si concentra su quello che pensano i ragazzi, le paranoie, anche le più stupide e inutili. Dà una visione generale su quello che siamo noi, senza estremizzare" sottolinea Margherita Rebeggiani, che nella serie è la quindicenne gamer dai capelli blu Martha. Emma Dalla, che si cala nei panni della iperorganizzata, ansiosa e molto studiosa Michelle, spiega di non essere molto simile al suo personaggio: "Lei è molto precisa, tutta schemi e liste, mentre la mia stanza come vedete non è proprio in ordine - dice sorridendo - ma mi ha aiutato il fatto di avere una migliore amica che è esattamente come lei".

Per Emma, le chiusure degli ultimi mesi, soprattutto delle scuole, non sono state une sorpresa: "Nel mio istituto hanno trovato spesso compagni positivi, quindi facevamo una settimana a scuola e le altre a casa. La nuova chiusura non è stata così traumatizzante". Alessandro Notari nella storia dà volto al 15enne Sam, e lo descrive come un "personaggio estroverso e goffo, sempre disponibile ad aiutare gli altri e a fare nuove amicizie".
Secondo lui, tra le forze della serie girata con le misure precauzionali, c'è anche tutto il cast adulto, che comprende, per quanto in un ruolo cameo, Fabio Volo, "una persona stupenda, che non ha mai smesso di farci ridere. Cambiava le battute in maniera geniale. Comunque ci hanno aiutato tutti, da Gianluca (Leuzzi), a Federica Lucaferri, alla troupe, è nato fra noi un grandissimo legame". Sebastiano Fighera, interprete del 16enne Leo, lo sportivo del gruppo, che nella storia affronterà la sua identità di genere, sottolinea la capacità del regista Gianluca Leuzzi di mantenere costantemente l'armonia: "E' stato sempre premuroso con noi, controllava che stessimo bene, è riuscito a lavorare con una cast così giovane veramente al meglio". 

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie