The Facchinettis, una 'folle' famiglia allargata

A Pasqua su Dplay Plus, Francesco e Wilma tra figli e nonno Roby

Lei, brasiliana cresciuta in Svizzera, modella, dolce mamma e sexy compagna, toni zen e modi pacati. Lui, figlio d'arte, super tatuato e super attivo, conduttore tv, produttore musicale e manager con 80 talents da seguire nel mondo. Poi c'è il nonno, voce storica dei Pooh e ora compagno di gioco ideale per una ciurma di nipoti scatenati. E ancora Carlone, l'indispensabile braccio destro, più un turbine di assistenti, tate e personaggi decisamente fuori dal comune. Dopo The Osbournes e le Kardashian, arrivano i The Facchinettis, ovvero la pazza (ma forse neanche tanto) vita di Francesco Facchinetti e Wilma Helena Faissol, coppia nella vita e ora anche in tv nella prima serie italiana targata Dplay Plus, da domenica 12 aprile in esclusiva sulla piattaforma streaming pay di Discovery (Il primo episodio della serie andrà eccezionalmente in onda anche in chiaro su Real Time domenica 19 alle 21.10).

"L'idea arriva da lontano", racconta all'ANSA Facchinetti, l'eterno dj Francesco della Canzone del Capitano, che però il 2 maggio compie 40 anni. "Tra i 25 e i 30 - prosegue - avevo costruito una mia comune hippies, come quella in cui mi ha cresciuto mia mamma. C'erano ragazzi da tutto il mondo, tutti di lingue, culture, religioni diverse. Pensammo di raccontare questo melting pot, per mostrare com'era abitare tutti insieme e coltivare i propri sogni pur essendo così diversi. Avrebbe dovuto chiamarsi The Facchi's House. Portai il progetto a vari produttori, ma mi guardavano tutti come fossi matto". Nel dicembre 2013 arriva l'incontro con Wilma. "Ci siamo ritrovati in uno stesso gruppo per una vacanza a Marrakesh - racconta lei - Prima di partire avevano organizzato una chat comune e abbiamo chiacchierato tantissimo. Poi, la prima volta che ci vediamo di persona, inciampo nei lacci dei sandali: lui ama dire che sono caduta ai suoi piedi". E' amore: una figlia da un precedente compagno per lei, un'altra per lui (Mia, avuta con Alessia Marcuzzi), il matrimonio e altri due bimbi insieme.

"Mi faceva troppo ridere il rapporto di Francesco con suo papà Roby, così ho cominciato a riprenderli", prosegue Wilma. Padre e figlio erano già apparsi in tv insieme in "Cinquanta modi per uccidere tuo padre" e poi a "The Voice". "Unendo i puntini", come dice Francesco citando Steve Jobs, l'idea riprendere in mano quel primissimo progetto, questa volta per raccontare la vita da marito, moglie e famiglia. Già seguitissimi sui social, per la prima volta i Facchinetti aprono così le porte della loro villa a Mariano Comense (CO), per raccontarsi a 360 gradi e senza filtri, tra eccentricità, crisi di coppia, ricette in cucina, cura dei figli e imperdibili lezioni di pilates di Wilma a nonno Roby. Una casa, come racconta Francesco, che "era nata per fare feste" e si è dovuta trasformare in dimora per una grande famiglia allargata. "Francesco ha la capacità di attenzione di un pesce rosso. Ma da mamma - si intenerisce Wilma - io mi sono innamorata vedendo la tenerezza con cui parlava a Mia". Lei? " Ha il grande pregio di essere molto equilibrata, il mio opposto - ammette lui - Il difetto, tutto femminile, è di essere un po' troppo cerebrale su tutto". Già nella prima puntata i Facchinettis non si celano e mentre Wilma, super sexy, attende Francesco in camera da letto, lui passa la notte al telefono per lavoro. Problema di molte coppie, ma Wilma prende il toro per le corna e trascina il marito da una sessuologa. "Ogni giorno può accadere di tutto: aerei sbagliati, cantanti che fanno le bizze, io che perdo i bimbi durante le prove di un concerto", assicura Francesco. Partiti con le riprese a gennaio, la produzione si è fermata per il Coronavirus. "Ma appena potremo - promettono - riprenderemo a raccontare".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie