Cultura
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Teatro
  4. Torna Bolle and Friends, "In Italia la danza va cambiata"

Torna Bolle and Friends, "In Italia la danza va cambiata"

Al via tour con 8 date Milano, 'voglio portare il pubblico a teatro'

E' un modo "per celebrare il ritorno, dopo un periodo duro e doloroso" il tour che Roberto Bolle sta per intraprendere in alcune delle location più belle d'Italia, dal Teatro antico di Taormina alle Terme di Caracalla, all'Arena di Verona a piazza della Santissima Annunziata a Firenze. Torna 'Bolle and Friends', con una compagnia che include artisti di fama da tutto il mondo, dai primi ballerini del Royal Ballet di Londra Vadim Muntagirov a Fumi Kaneko alla solista Melissa Hamilton al giovane Toon Lobach, all'ucraina Anastasia Matvienk. E torna iniziando con la "sfida" di otto spettacoli di fila al teatro degli Arcimboldi di Milano dove questa nuova edizione dello spettacolo di cui Bolle è ideatore ed anima debutterà il 18 giugno. "Volevo tempo per ritrovare il mio pubblico e gli artisti con cui collaboro, volevo riprendere la scena, la sensazione" spiega all'ANSA l'étoile che lo scorso dicembre aveva alzato la voce denunciando in audizione alla commissione Cultura della Camera dei Deputati la situazione delle compagnie di ballo. L'eco di quelle parole "è servita per arrivare all'istituzione di un tavolo per la danza - rivendica -, per poter dare indicazioni su come cambiare radicalmente la danza in Italia, per invertire i tagli e il depauperamento continuo degli ultimi trent'anni. E' una possibilità storica". Lui intanto continua nel suo impegno principale: far conoscere il ballo. "Tutto quello che faccio - racconta - ha l'obiettivo di allargare il pubblico, di portarlo a teatro. C'è bisogno di un pubblico nuovo, giovane che non conosce la danza. Non è che non la apprezza o non la capisce, non la conosce". Per questo tornerà per una nuova edizione dal 2 al 5 settembre a Milano OnDance, la manifestazione che porta la danza in tutta la città. E per questo tornerà anche la sua trasmissione su Rai 1. Ma la sua speranza è soprattutto che "il pubblico venga perché la danza va vista dal vivo. Spero - aggiunge - che chi ha visto lo spettacolo in tv abbia voglia di venire a teatro perché la danza va vista dal vivo, dove gli artisti danno il meglio di sé". E finalmente possono esibirsi con un teatro a piena capienza e, dal 15 giugno, con il pubblico senza mascherine. Quello che potrà vedere il pubblico è uno spettacolo "con sempre tante novità" promette l'étoile della Scala con "alcuni punti fermi, come l'alternanza del repertorio classico e contemporaneo e la ricerca di nuovi pezzi". Il Corsaro, Il lago dei Cigni, Don Chisciotte sono in programma con coreografie come O e SENTieri di Philippe Kratz. In cinque brani danzerà Roberto Bolle. Di questi Duel è una prima assoluta, realizzato per lui da Massimiliano Volpini con musiche per batteria scritte appositamente da Giuseppe Cacciola. Un duello fra lui e un batterista, che diventa "una sfida con se stessi, rappresenta il superamento dei propri limiti". Un pezzo "con un impronta più rock, mai fatto da un ballerino classico" che arriva dopo In Your Black Eyes un "assolo molto emotivo sulle musiche di Ezio Bosso". "Sarà - promette - un momento di rinascita".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Modifica consenso Cookie