Cirque du Soleil, love affair con l'Italia, torneremo

Ceo Lamarre, "resto al mio posto, sopravviveremo al Covid-19"

NEW YORK - "Tra Cirque du Soleil e Italia c'e' un love affair. Tornare in Italia con i nostri show e' una priorità". Lo dice all'ANSA Daniel Lamarre, il Ceo canadese del leggendario "tendone dei sogni" rimasto vittima del Coronavirus dopo l'annuncio della richiesta di bancarotta assistita presentata la scorsa settimana in Canada. "Sono ancora Ceo, non mi preoccupa il mio futuro", dice Lamarre replicando a un articolo di oggi sul "New York Post", secondo cui i creditori avrebbero un piano per metterlo alla porta: "A me interessa il futuro della compagnia, dei nostri dipendenti e dei nostri show. Oggi sono felice di annunciare che il Circo sopravviverà".

Due spettacoli, in Cina e in Messico, hanno riaperto e Cirque e' in stand by per l'autunno a Las Vegas e Orlando. Tutto d'altra parte resterà difficile, secondo Lamarre, finché il pianeta non tornera' alla normalita'. "Per ricominciare i nostri tour in 450 citta' del mondo bisognera' aspettare la riapertura dei confini e la ripresa dei voli". Nato sul successo degli artisti di strada del Quebec tra cui il leggendario fondatore Guy Laliberte, Cirque du Soleil aspetta ora che il processo avviato in Canada faccia il suo corso: "Le parti interessate hanno 45 giorni per farsi avanti. Ad oggi sei gruppi hanno mostrato interesse", annuncia il Ceo. Quando le luci si sono spente in marzo, Cirque du Soleil ha licenziato oltre 4.500 dipendenti (il 95% della forza lavoro) dopo aver chiuso 44 produzioni worldwide. "L'idea - spiega Lamarre - e' di riassumerli gradualmente una volta ripresi gli spettacoli, partendo da Las Vegas dove circa 500 artisti risiedono in pianta stabile e che da sola ha rappresentato il 40 per cento del miliardo di dollari incassato dalla compagnia nel 2019.

Nel frattempo anche Cirque du Soleil ha sperimentato lo streaming raggiungendo oltre 50 milioni di spettatori sui suoi canali social: "Il nostro core business restano gli show dal vivo, ma l'esperienza e' stata cosi' positiva che stiamo esplorando la possibilita' di sviluppare show totalmente pensati per la trasmissione sulle piattaforme in streaming". Quanto alla magia del tendone, all'inizio sara' quella del "new normal" nell' epoca del coronavirus. In Cina e Messico il circo opera al 60%o della capacita con misure di sicurezza tra cui la misurazione della temperatura, le mascherine e il social distancing. "Siamo molto attenti alla sicurezza del pubblico e degli artisti che saranno testati regolarmente". Quanto all'Italia, Cirque du Soleil e' rimasto "devastato" quando a meta' marzo gli show gia' in programma a Roma e a Milano sono stati cancellati nell'arco di 48 ore. "L'Italia ha una grande cultura del circo. I vostri creatori e vostri artisti hanno avuto un grosso ruolo nello sviluppo di Cirque du Soleil. Riaprire in Italia e' una delle nostre priorita'. Torneremo non appena possibile".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie