Cultura
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Musica
  4. Maggio, attacco a spese Pereira. Ma lui: "Sono utili"

Maggio, attacco a spese Pereira. Ma lui: "Sono utili"

Atto Fdi agita Regione e Comune. Soprintendente, cucino a ospiti

(ANSA) - FIRENZE, 24 MAG - "

"Voci di spesa anomale", come afferma Fdi che le ha rivelate, o "investimenti necessari" anche per aumentare i contributi degli investitori privati che sostengono il Maggio Musicale Fiorentino, come dice una prima difesa? Su questa definizione contrapposta si gioca la polemica sulle spese del sovrintendente Alexander Pereira, pagate con la carta di credito aziendale oppure chiedendo rimborsi. Sono una miriade di spese spicciole, spuntano pure il panettiere e il pescivendolo, e ora il tema è stato sollevato da Fdi in due interrogazioni analoghe depositate una in Consiglio regionale e un'altra in Consiglio comunale a Firenze, i due enti sono soci e finanziatori della fondazione lirico-sinfonica. Nel dettaglio, per Fdi ci sono, tra le numerose voci, 15,98 euro per la cover del telefono, 48 euro spesi in una pasticceria, 3.800 euro a una casa d'asta con sede a Berlino, 1.507 euro in un ristorante di Ibiza, 50 euro in una pescheria, 47 euro in un forno, 50 euro in una macelleria e 22 euro dal fruttivendolo. Nell'atto depositato in Consiglio regionale il capogruppo Fdi, Francesco Torselli, interroga il presidente della Toscana Eugenio Giani per sapere se ritenga queste spese congrue "alla luce della decisione di porre 300 dipendenti in cassa integrazione" nel 2020. Nel pomeriggio arriva la replica di Pereira in cui spiega che tutte le spese "hanno una spiegazione e per ognuna ci sono i giustificativi e tutte sono compatibili e in linea con il regolamento interno del Maggio che indica i tetti massimi di spese consentite". Pereira ricorda il 'fundraising' fatto "tramite i miei contatti: circa 7,5 milioni nel 2021, dopo i 4 milioni del 2020 e rispetto a una media prima del mio arrivo nel 2019 di poco più di 2,5 milioni di euro. Ho triplicato la somma precedente e lo dico con orgoglio. Spese? No. Sono invece investimenti necessari". Per quanto riguarda le spese del "panettiere, del supermercato, del pescivendolo", spiega Pereira, "possono essere oggetto di critiche perché male interpretate". Ma "non è un segreto per nessuno - rivela - che io ami cucinare e ospitare a casa mia, e di tanto in tanto mi metto ai fornelli per spirito conviviale e cioè vale a dire con lo stesso spirito di contribuire sempre di più al rilancio del Maggio per ospitare finanziatori e artisti. Saltuariamente e con gioia e piacere, succede che io prepari per loro piatti con i prodotti presi alla bottega vicino casa, alla pescheria o dal macellaio". Per quanto riguarda la spesa alla casa d'asta, continua ancora Pereira, "è ridicolo che si pensi che sia una spesa per me: ho usato la carta di credito per il regalo al maestro Zubin Mehta per festeggiare i suoi 85 anni. Era un prezioso autografo di Johannes Brahms del quale il nostro direttore emerito è uno dei più grandi interpreti".

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie