Cultura

Britney Spears chiede al giudice la fine del "giogo" paterno

Pop star contro tutela paterna "voglio avere un figlio"

(di Alessandra Baldini) (ANSA) - NEW YORK, 24 GIU - "Rivoglio la mia vita. Voglio sposarmi e avere un bambino": parlando a rotta di collo al telefono con la giudice Brenda Perry della Superior Court di Los Angeles, Britney Spears ha chiesto di esser liberata "senza ulteriori perizie psichiatriche" dal giogo della "custodianship" a cui da 13 anni l'ha assoggettata il padre Jamie con la scusa del suo labile stato mentale.
    Tredici anni di rabbia, frustrazioni, risentimenti sono sfociati in 23 minuti di accuse: "Ho una spirale, ma non mi permettono di toglierla. Voglio sposarmi e avere un bambino, ma me lo impediscono", ha detto la cantante che ha 39 anni e due figli ormai teen-ager, Sean e Jayden, affidati in massima parte al padre Kevin Federline. "Questa tutela mi ha fatto piu' male che bene", ha detto la cantante, minacciando di portare la sua famiglia in tribunale.
    Tra le accuse dell'accorato appello ci sono gli psicofarmaci somministrati contro la sua volonta' - "il litio mi faceva sentire ubriaca" - quando aveva annunciato di non voler cantare piu' a Las Vegas e il divieto di parlare con i media, mentre ai genitori era permesso di dare interviste.
    L'istituto della tutela legale, usato di solito per governare la vita di persone molto anziane o con gravi problemi mentali, ha messo Britney sotto tre forme di tutela: oltre Jamie sono in gioco la finanziaria Bessemer Trust e un tutore che ne controlla carriera, salute e altri aspetti della vita personale. La sorveglianza e' stata così minuziosa che Britney da 13 anni non puo' autonomamente decidere con che amici uscire, ha detto la cantante, o salire in macchina se il suo boyfriend Sam Ashgari, che ieri ha postato un selfie con la maglietta del movimento #FreeBritney, e' al volante. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie