Michele da artista da balcone a webstar

Spopola sui social con le imitazioni di Achille Lauro e Morgan

 Un sabato mattina, in tempi di reclusione da coronavirus, Michele si è alzato con un'idea scaccia-noia, ha cercato nell'armadio il suo completo migliore, ha tirato fuori le casse e quello stesso pomeriggio sul balcone di casa ha improvvisato un'imitazione di Morgan a Sanremo, nella versione rivista e corretto del brano Sincero, quella che tra "maleducazione" e "cattive intenzioni" è costata al cantante e al suo compagno di palco, Bugo, l'eliminazione dal festival.
    Michele è Michele Alessandrino, ventenne di Caserta e studente di Scienze della Sicurezza e dell'Investigazione a Narni, distaccamento dell'Università di Perugia: in poche ore quel primo video di poco più di un minuto ha fatto il giro del web. Postato e ripostato migliaia di volte. "E' diventato virale, se non fosse che di questi tempi non è la parola migliore da usare", scherza al telefono, chiuso in casa come tutti. "Eh, soffro di asma, se esco me la devo vedere con mia madre", ride il ragazzo che da perfetto sconosciuto è diventato in meno di due settimane una webstar, passando da 500 follower ("i miei amici, non sono mai stato troppo attivo") a oltre 63mila che crescono di giorno in giorno ("quasi non ho più tempo per seguire le lezioni online dell'università. Il primo giorno ho risposto ai messaggi fino alle 4 del mattino").
    Già, perché dopo Morgan, che ha già collezionato oltre 274mila visualizzazioni su Instagram, pochi giorni dopo c'è stata l'interpretazione di Achille Lauro con Me ne frego (con tanto di coperta lasciata cadere e mutandoni in vista a ricordare il mantello dorato con il quale la prima sera del Festival l'artista romano lasciò tutti a bocca aperta e che è stato visualizzato oltre 264mila, con il maggior numero di like), poi Elettra Lamborghini con Musica (e il resto scompare) nei cui improbabili panni riesce perfino a twerkare con leggings leopardati e fondoschiena rinforzato (163mila) e Loredana Bertè, con un omaggio all'esibizione al Sanremo 2019 con Cosa ti aspetti da Me (103mila), con tanto di asciugamano blu in testa.
    "E' nato tutto come un gioco, non mi immaginavo davvero che sarebbe andata così. Mi travesto con quello che riesco a trovare a casa", racconta Michele, che si autodefinisce artista da balcone. "Qualcuno mi chiama artista, ma non lo sono affatto, come si può anche dedurre dalle mie doti canore", ammette candido. "Non ho una band, non canto e non suono, ma sono un ascoltatore seriale", dice. Ama follemente il rap, ma il suo cantante preferito è David Bowie (e c'è da immaginare che uno dei prossimi artisti da portare sul balcone sarà proprio lui).
    La scelta degli artisti da "omaggiare" - racconta - è stata dettata "dalla popolarità dei loro gesti". "Ho cominciato con Morgan, perché il brano, nella versione originale, era il mio preferito di Sanremo. Poi Achille Lauro perché credo sia l'artista più futuristico della scena italiana. Elettra mi era stato chiesto a gran voce e la Bertè... per la sua incredibile personalità. Ho pescato dal festival perché mi sembrava un gesto in qualche modo patriottico". Reazioni? "Nessuno mi ha contattato, ma Elettra Lamborghini mi ha ripostato nelle storie di Instagram. Mi seguono le figlie di Al Bano e Romina e mi ha contattato il capitano del Milan - la mia squadra del cuore - Alessio Romagnoli. Ma non tutti l'hanno presa bene... Bugo mi ha bloccato", ci dice forse un po' amareggiato. Il palcoscenico è sempre lo stesso: il balconcino di casa che affaccia su una strada desolatamente vuota. L'operatore anche: il fratello Luigi, 25 anni ("Il suo contributo? Le risate che si sentono nei video"). Il pubblico: i vicini (grati) di casa che lo applaudono dai palazzi intorno. "Hanno apprezzato e ora attendono i prossimi. Ne ho già in mente un paio. Uno legato a Sanremo, l'altro no". Categorico sulla possibilità di diventare alla lunga schiavo della sua stessa creazione. "No, non c'è rischio. Quando non sarà più divertente per me, smetterò.
    Qualcuno sui social mi ha accusato di essere poco rispettoso in questo momento così drammatico, ma ho ricevuto anche tanti messaggi di ringraziamento da medici e infermieri ai quali ho regalato un sorriso. Il mio vuole essere solo un minuto di spensieratezza in un momento così difficile". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie