Rowling, il mio Ickabog inedito su verità e potere

Online gratis per i bimbi in quarantena. Poi uscirà a novembre

"L'idea di Ickabog mi è venuta mentre stavo ancora scrivendo Harry Potter. Ho scritto la maggior parte di una prima bozza intervallandola con i libri di Harry Potter, con l'intenzione di pubblicarlo dopo 'Harry Potter e i Doni della Morte". Lo racconta J.K. Rowling che ha annuncia oggi sul suo sito web (www.jkrowling.com) di aver serializzato online gratuitamenteThe Ickabog, una favola per i suoi bambini più piccoli, scritta più dieci anni fa, per aiutare a intrattenere bambini, genitori e istitutori confinati a casa durante il blocco per il coronavirus.

"Penso che Ickaborg si presti bene alla serialità perchè è stato scritto come un libro ad alta voce (penso inconsciamente, credo dal modo in cui lo leggo ai miei figli). Ma è adatto per i bambini di 7-9 anni che possono leggerlo da soli. Pubblicherò un capitolo (o due o tre) ogni giorno della settimana tra il 26 maggio e il 10 luglio sul sito web di Ickabog. Prevediamo di far uscire presto alcune traduzioni e pubblicheremo ulteriori dettagli su quel sito web quando saranno disponibili" dice la scrittrice. E spiega: "The Ickabog è una storia sulla verità e l'abuso di potere. Per prevenire una domanda ovvia: l'idea mi è venuta ben oltre un decennio fa, quindi non è destinata a essere letta come una risposta a tutto ciò che sta accadendo nel mondo in questo momento. I temi sono senza tempo e potrebbero essere applicati a qualsiasi epoca o paese". "Dopo l'ultimo libro di Harry Potter, ho voluto prendermi una pausa dall'editoria, che è durata cinque anni. In quel periodo ho scritto The Casual Vacancy e Robert Galbraith (un suo pseudonimo ndr) ha scritto The Cuckoo's Calling. Dopo una certa esitazione (e anche dopo che il mio agente di lunga data aveva depositato The Ickabog - scusa, Neil) ho deciso che volevo allontanarmi dai libri per bambini per un po'. A quel punto, la prima bozza di The Ickabog è finita in soffitta dove è rimasta per quasi un decennio. Nel tempo sono arrivata a pensarla come una storia che apparteneva ai miei due figli più piccoli ai quali la leggevo la sera. E' sempre stato un felice ricordo di famiglia" afferma l'autrice del maghetto. "Qualche settimana fa a cena - continua - sono stata tentata dall'idea di tirar giù dalla soffitta The Ickabog e di pubblicarlo gratuitamente, per i bambini in lockdown. I miei, ora adolescenti ne sono stati entusiasti, è arrivata al piano di sotto la scatola polverosa e per le ultime settimane sono stato immersa in un mondo immaginario in cui pensavo che non sarei più entrata. Mentre lavoravo per finire il libro ho iniziato a leggere di nuovo i capitoli ogni sera per la famiglia. Questa è stata una delle esperienze più straordinarie della mia vita di scrittrice, poiché i primi due lettori di Ickabog mi hanno raccontato cosa ricordavano da quando erano piccoli e mi hanno chiesto di inserire parti specifiche di loro gradimento (ho obbedito)".

"Avendo deciso di pubblicare, ho pensato che sarebbe stato meraviglioso per i bambini nel lockdown o che avessero bisogno di distrazione durante il periodo strano e difficile che stiamo attraversando. Ci saranno suggerimenti sulle illustrazioni di cui potremmo avere bisogno per ogni capitolo sul sito web di Ickabog, ma nessuno dovrebbe sentirsi vincolato da queste idee. Voglio vedere l'immaginazione scatenarsi! Creatività, inventiva e impegno sono le cose più importanti: non stiamo necessariamente cercando l'abilità più tecnica!" dice la Rowling che sta invitando giovani artisti in erba a illustrare il suo racconto ispirandosi a una serie di personaggi colorati e a una trama frenetica mentre i capitoli appaiono online. "A novembre 2020, The Ickabog sarà pubblicato in inglese in formato cartaceo, eBook e audiolibro, seguito a breve da altre lingue. I migliori disegni - annuncia - in ciascun territorio saranno inclusi nei libri finiti. Poiché gli editori di ciascun territorio dovranno decidere quali immagini funzionano meglio per le proprie edizioni, non giudicherò personalmente le voci. Tuttavia, se genitori e tutori pubblicano il disegno dei propri figli su Twitter utilizzando l'hashtag #TheIckabog, sarò in grado di condividere e commentare! Per ulteriori informazioni sul concorso di illustrazioni, si può visitare il sito The Ickabog al momento del lancio". La scrittrice ha "intenzione di destinare tutti i diritti d'autore di The Ickabog, quando sarà pubblicato, per aiutare i gruppi che sono stati particolarmente colpiti dalla pandemia. Ulteriori dettagli saranno disponibili nel corso dell'anno". La storia sarà serializzata in 34 parti nei giorni feriali dal 26 maggio al 10 luglio 2020 e sarà disponibile per la lettura sul sito web Ickabog fino al 17 luglio, che è anche la data di chiusura del concorso di illustrazione.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie