Premio Acqui Storia, Edith Bruck è Testimone del Tempo

Il premio consegnato di persona dal sindaco di Acqui Terme

ALESSANDRIA - Edith Bruck è la Testimone del Tempo del Premio Acqui Storia. Il sindaco di Acqui Terme (Alessandria), Lorenzo Lucchini, insieme all'assessore alla Cultura Cinzia Montelli, l'hanno incontrata per consegnarle di persona, a Roma, il premio speciale destinato alle personalità che sono state testimoni dirette di vicende ed eventi storici.

"Questo conferimento - spiega il sindaco Lucchini - è il nostro pubblico attestato di stima, ammirazione, apprezzamento e riconoscenza per essere una voce forte e autorevole della triste tragedia dell'Olocausto. Edith Bruck ha sempre svolto un'intensa attività di conservazione della memoria ed è stata capace di trasmettere energicamente alle giovani generazioni il dramma vissuto da numerose persone. Oggi vogliamo esprimere il nostro riconoscimento del valore morale ed educativo del ruolo che ha ricoperto in questi anni".

L'intervista a Bruck, fatta dalla storica Michela Ponzani, che è presidente della giuria nella sezione divulgativa del Premio, sarà proiettata nei giorni del Premio Acqui Storia. Edith Bruck è scrittrice, poetessa, traduttrice e regista, ma soprattutto testimone della Shoah: nel 1944, a tredici anni, viene deportata ad Auschwitz e successivamente in altri campi di sterminio tedeschi. Finita la guerra scopre che la sua famiglia non esiste più. Il padre, la madre, il fratello e altri componenti sono tutti morti.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie