Libri
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Libri
  4. Il libro in piazza
  5. Cresce il mercato dei libri, nel 2021 tra +11 e +16%

Cresce il mercato dei libri, nel 2021 tra +11 e +16%

Librerie fisiche superano quelle online, in calo peso bestseller

TORINO - Continua a crescere l'editoria libraria italiano: il mercato di varia - libri a stampa di narrativa e saggistica venduti nelle librerie fisiche e online e nella grande distribuzione - potrebbe chiudere il 2021 con una crescita a due cifre, tra l'11% e il 16%. I dati fanno parte dell'analisi periodica dell'Associazione Italiana Editori (Aie) con Nielsen IQ, presentata nella seconda giornata del Salone del Libro di Torino.
    Le librerie fisiche, aiutate dal web, tornano a essere primo canale di vendita: sono a quota 499,9 milioni (362,5 milioni nel 2020), contro i 479,1 milioni delle librerie online (383,4 milioni nel 2020) e i 58,1 milioni della grande distribuzione (57,9 milioni nel 2020). A livello di quote di mercato le librerie hanno il 48,2%, tre punti percentuali in più rispetto al 2020 ma oltre dieci in meno rispetto al 2019. L'online pesa per il 46,2%, la grande distribuzione per il 5,6%.
    Sono in crescita uniforme tutti i generi, con picchi per i libri su giochi e tempo libero (+251%), fumetti (+202%) e attualità politica (+66%). E' però più contenuto il mercato dei bestseller: i primi 50 libri più venduti pesano sul mercato solo il 6,2% a valore e il 5,5% a numero di copie. "I dati dei primi nove mesi confermano la crescita strutturale dell'editoria italiana di varia e ci consegnano due fatti su cui riflettere.
    Il primo: dopo il sorpasso subito nel 2020, le librerie fisiche sono tornate a vendere di più delle librerie online, che comunque dopo la pandemia confermano il loro ruolo di primo piano. Il secondo: l'editoria italiana è sempre meno dipendente dai best seller e dalle novità, cresce il ruolo del catalogo e le vendite sono diffuse su un maggior numero di titoli" ha spiegato Levi durante l'incontro al quale hanno partecipato Enrico Selva Coddè (Mondadori Libri), Stefano Mauri (Gems), Isabella Ferretti (66thand2nd), Vittorio Anastasia (Ediciclo editore) e Aldo Addis (vicepresidente Associazione Librai Italiani). "La politica ci ha ascoltato perché abbiamo parlato con una voce sola", ha sottolineato.
    Nei primi nove mesi dell'anno le vendite nel settore della varia sono state pari a 1.037 milioni di euro, in crescita del 29% sul 2020 e del 16% sul 2019. Come numero di copie, i nove mesi si attestano a 72 milioni di copie, in crescita del 31% sul 2020 e del 18% sul 2019. Il prezzo medio di copertina del venduto è infatti in calo e pari a 14,35 euro (-1,9% sul 2020 e -1,7% sul 2019). L'Inverno dei leoni di Stefania Auci è in testa alla classifica dei primi dieci libri più venduti, ma restano nella 'top ten' titoli pubblicati nel 2019 e nel 2020, come Cambiare l'acqua ai fiori di Valerie Perrin "a sfatare il mito secondo cui un libro "resiste" sul mercato solo pochi mesi", fa notare l'Aie. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie