Riparte il Salone del Libro, 'significativo' evento in autunno

Entro metà agosto saranno pagati stipendi e contratti

TORINO - Il Salone del Libro riparte. In un incontro in Regione sono state poste le basi per la definizione di un percorso che porterà all'edizione di maggio 2021 attraverso "un significativo evento autunnale". L'evento unirà i contenuti in rete con appuntamenti dal vivo, fatte salve le condizione di sicurezza consentite delle normative del momento, e fungerà al contempo da segno della ripartenza e lancio per l'organizzazione del Salone 2021. Sono stati garantiti entro la prima metà di agosto il saldo dei pagamenti in sospeso e il rinnovo dei contratti per consulenti e collaboratori già impegnati a definire le prossime tappe. Entro la fine di settembre verrà approvato il nuovo protocollo d'intesa con validità fino al 2023. 

E' stato reso attivo, nelle more dell'approvazione del protocollo, il Comitato di Gestione presieduto da Giulio Biino, presidente della Fondazione Circolo dei Lettori, a cui partecipano la Città di Torino, l'Associazione Torino Città del Libro, la società Salone Libro e il direttore editoriale del Salone, Nicola Lagioia, con il supporto operativo di Marco Pautasso. È prossima la convocazione del Comitato d'Indirizzo del Salone per un confronto con le associazioni rappresentative dell'intero mondo editoriale italiano quali gli editori, Aie e Adei, i librai, Ali e Sil, i bibliotecari, l'Aib. All'incontro in Regione hanno partecipato l'assessore Vittoria Poggio, l'assessore Maurizio Marrone, la sindaca della Città di Torino Chiara Appendino, l'assessore alla Cultura Francesca Leon, il presidente e il direttore della Fondazione Circolo dei Lettori Giulio Biino, Elena Loewenthal, Nicola Lagioia, Silvio Viale, presidente dell'associazione Torino la Città del Libro, e Piero Crocenzi, amministratore delegato della società Salone Libro.

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie