Marietti 1820, Franco Ferrarotti e il Futuro

Salta tappa romana Parole in viaggio. Ecco il testo.

 Avrebbe dovuto essere dedicata al "Futuro", tema quanto mai sentito in questi giorni sospesi. Ma proprio a causa dell'emergenza Coronavirus è stata annullata anche la tappa romana di "Parole in viaggio", l'iniziativa organizzata da Marietti 1820 per celebrare i duecento anni della casa editrice, prevista per martedì 7 aprile nella Biblioteca del Senato della Repubblica nella capitale.
    Il viaggio in Italia di Marietti 1820 coinvolge nove città italiane (a ognuna è associata una parola) e propone undici lezioni, uno spettacolo e una mostra di libri e documenti (il programma dettagliato, che si avvale della collaborazione di Bper banca, Emme promozione, Edimill e Tuna bites, è sul sito www.mariettieditore.it/bicentenario).
    La tappa romana del viaggio, incentrata sulla parola Futuro, era affidata a Franco Ferrarotti, primo professore italiano di Sociologia all'Università di Roma La Sapienza, diplomatico e deputato indipendente al Parlamento italiano dal 1958 al 1963, oltre che docente a Chicago, Boston, New York, Toronto, Mosca, Varsavia, Colonia, Tokyo e Gerusalemme. Con lui sarebbero dovuti intervenire anche Maria Immacolata Macioti ed Elena Zapponi, sempre de La Sapienza; Luigi Berzano dell'Università di Torino; Enzo Pace dell'Università di Padova; e il direttore editoriale di Marietti 1820, Roberto Alessandrini.
    Nei sei volumi delle sue Opere, pubblicati da Marietti 1820, Ferrarotti raccoglie in oltre cinquemila pagine le riflessioni teoriche, le ricerche sul campo sulle periferie, le mafie e il terrorismo e gli scritti autobiografici, dal racconto dei viaggi negli Stati Uniti e in Amazzonia al ricordo degli amici e maestri Cesare Pavese, Nicola Abbagnano, Felice Balbo e Adriano Olivetti. In anteprima per l'ANSA, ecco un'anticipazione del suo testo sul tema del futuro.
    FUTURO di Franco Ferrarotti Nessun dubbio che il tema del futuro, vale a dire la possibilità di prevedere ciò che accadrà domani e dopodomani, eserciti su tutti una straordinaria attrattiva e costituisca un problema dominante da tempo immemorabile, dagli oracoli dell'antichità classica alle previsioni odierne circa l'andamento del ciclo economico. Ma l'esito delle previsioni, malgrado gli indubbi progressi del calcolo delle probabilità, permane altamente incerto, un'incertezza che l'oracolo di Delfi, come gli aruspici latini, attenti osservatori delle interiora animali, e gli specialisti odierni della futurologia sono astuti e lesti a nascondere in un linguaggio talvolta alquanto equivoco. C'è un esempio classico: ibis redibis non morieris in bello ("andrai, tornerai /non/ morirai in battaglia").
    Ciò che con relativa sicurezza sembra legittimo affermare è che non si dà possibilità di progettare il futuro senza aver recuperato il passato. Non voglio dire che il passato non passa mai. Molto più semplicemente, sembra chiaro che, senza aver compreso a fondo il passato, è difficile capire il presente ed è impossibile progettare razionalmente il futuro. In altre parole, forse eccessivamente poetiche per non tradire un certo pathos: il futuro ha un cuore antico. Non solo. A guardare a fondo nella questione, il futuro è già da sempre cominciato.
    Ciò è vero soprattutto oggi, quando l'innovazione tecnica è universalmente salutata e adottata come principio-guida dello sviluppo delle società umane. Sorge il dubbio se si tratti di sviluppo ragionato, o quanto meno ragionevole, o se invece ci si arrenda, inesorabilmente, al fare per fare che approda, inevitabilmente, al caos.
    Nessun dubbio che la tecnica abbia avuto e ancora abbia effetti positivi. Nessun tipo di neo-luddismo è oggi ammissibile.
    Dall'acqua calda alle fognature urbane e ai progressi nella medicina i positivi risultati della tecnica, come scienza applicata, sono innegabili. Ma la tecnica è una perfezione priva di scopo. È in grado di accertare e controllare la correttezza funzionale delle proprie operazioni interne, ma non può dirci né dove siamo, né dove andiamo.
    La contraddizione mortale che oggi pesa sull'umanità è data da un progresso tecnico a portata planetaria di estrema rapidità e da un mondo governato da gruppi dirigenti che, quasi per istintiva reazione difensiva, idealizzano il proprio orticello; si rinchiudono in Stati-nazione che hanno fatto il loro tempo, invenzione geniale del Settecento al termine delle sanguinose guerre di religione in Europa con la pace di Vestfalia (1648), oggi però paralizzati da una burocrazia pletorica e inefficiente e basati sul principio ormai anacronistico del "cuius regio, eius religio".
    Il futuro che ci attende dipenderà dalla capacità non tanto di fare per fare, del "more and more", che può addirittura aggravare le disuguaglianze sociali ed esasperare i contrasti e quindi scatenare le guerre fra i popoli, quanto invece dalla compatibilità fra scopi desiderati e mezzi disponibili e dall'analisi preventiva dei costi umani delle riforme sociali ritenute necessarie. Il progresso tecnico, di per sé, non è in grado di garantire un futuro di fraterna uguaglianza sociale e ancor meno di riscoprire la comune umanità degli esseri umani.
    Filosofi e psicologi socialmente orientati cominciano a ritenere, a mio giudizio correttamente, che il senso del limite dei nostri progenitori, greci e latini, vada prontamente recuperato: medén agan; ne quid nimis; nulla in eccesso. Le colonne di Ercole inviolabili e il salutare terrore dell'àperion, o dell'illimitato, sono ancora oggi più che mai attuali. L'illustre etimologista Giovanni Semerano, in garbata polemica, mi faceva anni fa osservare che àpeiron non era termine di origine greca, ma sumero-accadica e che significava semplicemente "fango", "terriccio". Può essere. Preferisco attenermi al significato ad esso attribuito da Platone e da Aristotele. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie