/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Diabolik, tutto sul fumetto, in attesa del film

Diabolik, tutto sul fumetto, in attesa del film

Il genio del male nell'Italia degli anni '60 ancora oggi è cult

ROMA, 12 dicembre 2021, 16:36

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Diabolik, il genio del male nato dal talento delle sorelle Giussani, incarna molte anime e il suo personaggio dal fumetto arriva al grande schermo con il nuovo atteso film dei fratelli Manetti (in sala dal 16 dicembre con Luca Marinelli e Miriam Leone e Valerio Mastandrea). Intanto una mostra evento a Torino, Diabolik alla Mole, (Museo Nazionale del Cinema, Mole Antonelliana 16 dicembre 2021 - 14 febbraio 2022 a cura di Luca Beatrice, Domenico De Gaetano e Luigi Mascheroni, ricco catalogo Silvana Editoriale) consente di ricordare in grande stile un personaggio davvero 'pop' che è nel Dna culturale italiano a partire dagli anni '60. Il primo fumetto esce il 1 novembre del 1962 nelle edicole italiane. Titolo evocativo: "Il Re del Terrore", sottotitolo, "Il fumetto del brivido". Le sorelle Angela e Luciana Giussani, creatrici del personaggio, avevano ideato un formato adatto alla lettura in treno, calibrato per le migliaia di pendolari che ogni giorno arrivavano a Milano. "Già alla fine del 1963 Diabolik è parte dell'immaginario collettivo degli italiani: è l'antieroe cinico e vagamente inquietante che permette di uscire da un macrocosmo perbenista e puritano, inseguendo metaforicamente un'affermazione personale in cui conta solo il soddisfacimento del proprio piacere", dice Domenico De Gaetano.
    Vari i tentativi cinematografici, una sola la trasposizione, nel 1968. L'autore è Mario Bava, un autentico mago degli effetti speciali. Per il ruolo di Diabolik viene scelto il californiano John Phillip Law. Per il ruolo di Eva Kant Marisa Mell. Il risultato non piace praticamente a nessuno: produttore, Giussani, regista.
    Oltre 50 anni dopo ecco il progetto dei Manetti, fan del fumetto. Il film, prodotto da loro e Carlo Macchitella con la Mompracem con Rai Cinema in associazione con la casa editrice Astorina, detentrice dei diritti ed editore della serie a fumetti di Diabolik, e Luigi de Vecchi è distribuito da 01 distribution. "Diabolik, chi sei?" Un antieroe, un criminale per cui si parteggia, un personaggio ambiguo: feroce e dignitoso, un Mistero, un ladro inafferrabile, uno dei più celebri fumetti italiani di sempre, un fenomeno editoriale, giornalistico, sociale e culturale.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza