Libri

Cinque appuntamenti autunnali con la Milanesiana

dal 25 settembre a Codogno, fino al 17 novembre a Parigi

(ANSA) - ROMA, 23 SET - "La Milanesiana, ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi torna in autunno con 5 nuovi appuntamenti a partire dal 25 settembre a Codogno (LO), fino ad arrivare per la prima volta oltre i confini nazionali, il 17 novembre a Parigi.
    «Cinque appuntamenti per chiudere questa lunga Milanesiana.
    Cinque incontri che incrociano la scienza, la filosofia, la storia dell'arte, la letteratura, la musica. Particolare menzione a due appuntamenti centrati su altrettante figure anomale del mondo scientifico, capaci di dialogare con le discipline umanistiche, in nome di un sapere ampio e non solo settoriale: Peter Galison (in dialogo con Paolo Giordano e Guido Brera) e Ervin László in dialogo con Riccardo Illy. Renderemo omaggio anche a un'altra figura di straordinaria importanza come Havel, a 10 anni dalla sua morte, umanista, drammaturgo e Presidente della Cecoslovacchia post-comunista. Apriremo con una mostra omaggio al '700 lombardo e in particolare a Pietro Magatti, curata da Vittorio Sgarbi, e chiuderemo con un incontro, a Parigi, all'Istituto Italiano di Cultura, con Ermanno Cavazzoni, Pacifico e il CONCERTO DI EXTRALISCIO» afferma Elisabetta Sgarbi.
    Il programma è presente, sempre aggiornato, anche su www.lamilanesiana.eu.
    Il 25 settembre a Vecchio Ospedale Soave di CODOGNO - LODI inaugurazione della mostra del pittore settecentesco "Pietro Antonio Magatti - Dalla cura del corpo alla cura dell'anima" che verrà aperta da una lectio di Vittorio Sgarbi sulla pittura di Magatti. Interviene il direttore del teatro di Casale, Andrea Ragosta. Introduce Elisabetta Sgarbi.
    Il 4 ottobre al Piccolo Teatro Grassi di MILANO si terrà la serata "IL PROGRESSO: IMMAGINI E LOGICA": l'appuntamento si aprirà con il prologo letterario di Guido Maria Brera, socio fondatore del Gruppo Kairos e scrittore (il suo ultimo libro pubblicato per La nave di Teseo è "Candido" con I Diavoli), seguito dall'incontro tra lo storico e filosofo della scienza americano Peter Galison e lo scrittore (Premio Strega 2008) Paolo Giordano.
    Il 5 ottobre La Milanesiana resta a Milano per il primo dei due appuntamenti al Teatro Franco Parenti. Questa prima serata è un "Omaggio a Václav Havel", politico, drammaturgo, saggista e poeta ceco. Interviene Stefano Bruno Galli, che ha recentemente pubblicato il saggio "Václav Havel - Una rivoluzione esistenziale" (La nave di Teseo, 2019). Si prosegue con le letture di Michael Žantovskì (diplomatico, politico, psicologo, scrittore e traduttore ceco, Direttore esecutivo della "Biblioteca Václav Havel") che interpreta in anteprima un estratto dal suo nuovo libro "Havel. Una vita" in uscita il 7 ottobre per La nave di Teseo, e le letture "Nel segno di Havel" con suggestioni sceniche a cura di Maurizio Schmidt . Interviene Andrée Ruth Shammah, Direttrice del Teatro Franco Parenti.
    Introduce Elisabetta Sgarbi.
    Il 18 ottobre si torna al Teatro Franco Parenti di Milano (Via Pier Lombardo, 14 - ore 20.00) con "VITE E SISTEMI". Si inizia con la lettura dell'ungherese Ervin László, scrittore, filosofo e teorico con oltre 400 articoli e 75 libri all'attivo (il 14 ottobre uscirà il suo nuovo libro "Il mio viaggio" per La nave di Teseo). A seguire, si confronterà con l'imprenditore Riccardo Illy sul tema della serata. Chiude Antonio Ballista con un concerto per piano solo. Introduce Elisabetta Sgarbi.
    Il 17 novembre per la prima volta La Milanesiana, che da sempre ospita nei suoi incontri personalità da tutto il mondo, supera a sua volta i confini nazionali e arriva a Parigi. La serata "Extraliscio. Punk da balera" si terrà all'Istituto Italiano di Cultura di Parigi. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie