Libri

Caronte, Erinni e Arpie, ecco i mostri di Dante

Divertente activity book del trio Vaioli, Guccinelli, Volpi

LAURA VAIOLI / GIACOMO GUCCINELLI / MIRKO VOLPE, I MOSTRI DI DANTE (Salani Editore, pp.128, 14.90 euro) - Da Caronte che traghetta i dannati alle implacabili Erinni, dal Minotauro rabbioso alle Arpie senza pietà, accanto a Minosse, Cerbero, fino a Lucifero in persona: si scende direttamente all'Inferno nella Divina Commedia alla scoperta della "supersquadra" dantesca delle creature più spaventose, cattive e potenti mai esistite grazie a Laura Vaioli, Giacomo Guccinelli e Mirko Volpi, autori de "I mostri di Dante", activity book edito da Salani. Il volume, destinato al pubblico dei più piccoli, illustra in modo intelligente la stupefacente "visione" dantesca, presentando i protagonisti principali dell'Inferno, spiegando il perché della loro presenza e l'incontro con Dante. Un team vincente quello che ha dato vita al libro, pubblicato proprio in occasione dell'anniversario dei 700 anni dalla morte del Poeta: i creativi Vaioli e Guccinelli hanno infatti lavorato in sinergia con l'esperto di Dante Volpe per realizzare un'opera equilibrata nel suo essere al tempo stesso occasione di divertimento e anche di conoscenza. Bambini e ragazzi alle prese con fumetti, esempi, racconti, pagine da colorare, diversi giochi in cui mettersi alla prova stimolando il pensiero critico, nonché con le "pagelle" dei 17 mostri dell'Inferno di Dante classificati in base alle loro caratteristiche (forza, attacco, difesa, abilità), possono infatti misurarsi con il tema della paura e della "mostruosità" che ogni giorno tutti noi incontriamo sul nostro cammino, accidentato come quello di Dante. Dopo una attenta introduzione sulla figura di Dante e sulla Divina Commedia, gli autori perseguono l'obiettivo di provare a far vedere i mostri da un altro punto di vista: non necessariamente come esseri raccapriccianti da temere, da evitare o da giudicare, ma come metafora di tutti quegli elementi più sgradevoli, delle debolezze e dei difetti che si trovano normalmente negli esseri umani, in ognuno di noi, affrontando dunque anche il tema della responsabilità individuale e delle conseguenze dei propri comportamenti. Ne "I mostri di Dante", grazie all'universalità dei temi trattati dal Poeta e alla sua capacità di scandagliare le profondità dell'animo umano in quella che rappresenta la più grande opera letteraria italiana, i piccoli lettori potranno riflettere su cosa sono i pericoli, inevitabilmente presenti dentro e fuori di noi: imparando e divertendosi, riusciranno anche a trovare la chiave per affrontarli con intelligenza e coraggio, nella consapevolezza che in fondo non esiste una vita senza mostri ed è meglio guardarli in faccia senza scappare.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie