Sanremo: Fiorello ironizza sul futuro, poi 'cita' Dante

"Franceschini mi ha chiesto di ricordare che sono i 700 anni"

(ANSA) - SANREMO, 06 MAR - Sul palco dell'Ariston Fiorello ironizza sul futuro di Sanremo e scherza con Amadeus che ha escluso l'ipotesi di un festival ter: "E' finita l'avventura.
    Oggi sono rimasto basito: in conferenza stampa hai detto che non farai il festival l'anno prossimo. Ti capisco, perché è impegnativo, hai un'età, ma se non lo fai tu finalmente sto in pace. In bocca al lupo a quelli che verranno l'anno prossimo a fare il festival: vi auguro questa platea piena, la galleria piena, il pubblico in mezzo all'orchestra, milioni persone fuori dell'Ariston, ospiti internazionali, ma vi deve andare malissimo, ve lo auguro con tutto il cuore". Finge di annunciare già il vincitore: "Non posso venire qui alle 2 ad annunciarlo", sottolinea biascicando.
    "Ultima cosa. Mi ha chiamato Franceschini, sai che noi della cultura abbiamo la chat, e mi ha chiesto di ricordare che sono i 700 anni di Dante. Mi ha chiesto di leggere qualcosa: ma io le cose le so a memoria, declamo". Recita l'incipit dell'Inferno, l'ultimo verso del Paradiso e chiosa: "Quello che c'è in mezzo ve lo leggete voi perché noi abbiamo 26 cantanti". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie