Piazza Fontana, le rivelazioni del giudice Salvini

Il volume scritto con il giornalista Andrea Sceresini

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - GUIDO SALVINI CON ANDREA SCRESINI, 'LA MALEDIZIONE DI PIAZZA FONTANA' (CHIARELETTERE PP. 614, 22 EURO) C'è un video che riprende la strage di Piazza Fontana di cui ricorre il cinquantesimo anniversario. A svelarlo è il libro inchiesta 'La maledizione di Piazza Fontana' scritto per Chiarelettere dal giudice Guido Salvini e dal giornalista Andrea Sceresini. Si tratta di "due nastri Super 8, che mostrano cosa accadde quel pomeriggio di dicembre di fronte alla Banca nazionale dell'agricoltura. La cinepresa si trovava sull'altro lato dello slargo, in direzione di piazza Beccaria, ed era azionata da uomini dei servizi segreti o da chi lavorava per loro", rivela l'Antiquario, figlio del socio di Tom Ponzi, presunto regista del film della strage rinchiuso in nastri di cui si sono perse le tracce.
    Rivelazioni su cui il giudice Salvini continua a interrogarsi: quelle bobine esistono ancora? Quante persone vi hanno avuto accesso nel corso degli anni? E con quale scopo? Sono domande che probabilmente resteranno per sempre prive di una risposta. Salvini negli anni Novanta ha condotto le indagini poi confluite nel terzo processo per la strage, chiusosi nel 2005 con una sentenza della Cassazione che, pur riconoscendo la responsabilità in quei fatti dei militanti veneti di Ordine Nuovo. assolse anche gli ultimi imputati ad eccezione di Carlo Digilio, l'artificiere del gruppo, la cui pena sarà però prescritta.
    Nel settembre del 2008 Salvini riceve una lettera, da un ex ordinovista padovano: "la prego contattarmi personalmente - recita - per novità su Piazza Fontana." E' il primo passo di una lunga e puntigliosa inchiesta privata. Salvini spiega che "ci sono storie che non si staccano, che ti seguono ovunque e non ti lasciano più. Piazza Fontana per me è una di queste, un'ombra, un pensiero di sottofondo. Ti occupi d'altro, ma ci ritorni sempre". Il libro, corredato da molte foto, è un rendiconto del lungo lavoro compiuto dall'allora giudice istruttore di Milano per far luce sulle responsabilità dei neofascisti, ma indica anche quanti elementi e possibili testimonianze siano emerse in seguito, facendo ulteriore luce sulla vicenda. La "maledizione" di cui parla Salvini sta proprio in questa impossibilità di fissare definitivamente una verità già emersa, malgrado tutto, in tanti anni di indagini e contro-inchieste. Dopo la sentenza della Cassazione, il giudice ha continuato il suo lavoro di ricerca, "da cittadino e studioso", fino ad affermare che "se un nuovo processo venisse celebrato oggi, sommando quello che è emerso in tutti i processi e gli elementi contenuti in questo libro, è probabile che i responsabili della strage avrebbero tutti o quasi un nome".
    Nel libro, frutto di un'indagine durata oltre dieci anni, si svela anche l'identità del Paracadutista, il giovane ordinovista veronese che avrebbe fisicamente messo la bomba che causò 17 morti e 88 feriti. Dopo una lunghissima e controversa vicenda giudiziaria, che ha visto i processi concludersi con l'assoluzione degli imputati, nel 2005 la Cassazione ha affermato che la strage fu realizzata dalla cellula eversiva di Ordine Nuovo capitanata da Franco Freda e Giovanni Ventura, non più processabili in quanto assolti con sentenza definitiva nel 1987. Non c'è mai stata, invece, una sentenza per gli esecutori materiali, coloro che cioè portarono la valigia con la bomba all'interno della Banca nazionale dell'Agricoltura. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie