Cultura

I testi 'crudi' di Angela Di Maso

Pupi Avati, poetica crudele scritta per scuotere

(ANSA) - FIRENZE, 2 OTT - Le inconfessabili confessioni di una monaca di clausura, la sterilità di una coppia che decide di ovviare al problema comprando un bambino su un catalogo, l'incontro tra un uomo e una donna in una chat erotica, l'incesto tra fratelli figli di malavitosi: tutto questo, e altro, è "Teatro" (Guida Editori, 242 pagine, 18 euro), il libro di Angela Di Maso, con la prefazione di Pupi Avati e l'introduzione di Enzo Moscato, che raccoglie dieci testi scritti dall'autrice dal 2004 al 2015 premiati in concorsi nazionali di drammaturgia. Tra questi anche "L'alluce", unico testo tradotto in lingua napoletana, quella della città in cui vive Angela Di Maso, giornalista, drammaturga, musicista e docente di storia del teatro all'Università Federico II. Testi e argomenti choc, di "una poetica cruda e crudele - scrive Pupi Avati - ma crudeltà non nel senso di sadismo, ma intesa come pura catarsi: quello che si vuole indagare profondamente è l'animo umano. Scuoterlo".
    "Ricorrendo - aggiunge il regista - a tutto ciò che possa disturbare la sensibilità dello spettatore, provocando in lui una sensazione acuta di disagio interiore".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie