Cultura
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Cinema
  4. Charlotte Gainsbourg e l'amore per mamma Jane Birkin

Charlotte Gainsbourg e l'amore per mamma Jane Birkin

In sala dal 16 giugno film d'esordio dedicato alla cantante musa

E' stato il suo film di esordio alla regia e non a caso: Jane by Charlotte, il film che Charlotte Gainsbourg ha dedicato alla madre Jane Birkin, è stato un modo per dire a questa artista, mito ingombrante, musa non solo per suo padre Serge ma anche per tanti altri, quanto bene le volesse. Così l'opera, in sala dal 16 giugno con I Wanted dopo essere stata presentata a Cannes 2021 e in altri festival tra cui il Tff di Torino, è un segno tangibile di questo amore, anche un po' liberatorio.

Nel film, Charlotte, la figlia del provocatorio, trasgressivo autore ebreo francese Serge Gainsbourg di origine ucraina, chiede alla madre di raccontare come erano quegli anni, quelli di una coppia sotto i riflettori, discussa, famosissima.
 

"Non ho mai dormito una notte senza sonniferi", racconta Birkin che vuole sapere tutto su sua madre. "Questo film - racconta - è un documentario, certo, ma soprattutto una lunga avventura emozionante, quasi un pretesto per godere di lei e allo stesso tempo la fine di qualcosa, come un punto e a capo. Più la guardo e più la amo", confessa. Una vita, quella di Jane musa di Serge, che dai tempi di Je t'aime... moi non plus, è stata un susseguirsi di tournee, successi, dipendenze da farmaci e alcool. Lo chansonnier dalle gitanes sempre accese appare in un filmino amatoriale a metà del film, come fosse stato un fantasma fino a quel momento: lo si vede giocare con Charlotte piccola.

Poi il colpo di scena: mamma Jane accompagna la figlia a visitare l'appartamento di Serge, 30 anni dopo la sua morte (2 marzo 1991). Dentro, buio e polvere, un museo con strumenti musicali, libri, dischi, premi tantissimi, una cucina con cibo persino esploso dopo tutto questo tempo, il bagno dove Jane riconosce e quasi accarezza i suoi profumi di allora.

"Inizialmente - spiega - volevo fare un ritratto di mia madre in Giappone e uno più parigino e in Bretagna, legati alle mie sorelle, e uno a New York, più legato a me. Ma col Covid era impossibile, quindi ho ristretto i luoghi e alla fine ho capito che quello che facevo era un tete-a-tete con mia madre, non un ritratto di famiglia, e ho cercato di metterla in situazioni e luoghi che riflettessero le domande che volevo farle". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      Modifica consenso Cookie