Cultura
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Cinema
  4. Cannes: ultimi rumors, Crialese e Pietro Marcello per l'Italia

Cannes: ultimi rumors, Crialese e Pietro Marcello per l'Italia

14/4 il cartellone, da Lynch a Cronenberg e forse Serebrennikov

Tom Cruise e Tom Hanks, il primo festeggiato con Top Gun: Maverick, il secondo coprotagonista di Elvis di Baz Luhrmann sul re del rock 'n roll, due titoli di grandi studios americani, rispettivamente Paramount e Warner: sono gli unici annunci che il festival di Cannes (18-29 maggio) ha fatto fino ad oggi. Neanche il film d'apertura è noto, alla vigilia della presentazione del cartellone il 14 aprile a Parigi. E incredibilmente neppure chi presiederà la giuria: Asghar Farhadi, il regista iraniano due volte premio Oscar è il candidato di cui si parla, ma recentemente accusato di plagio per "Un eroe" che ha vinto il Gran Premio di Cannes nel 2021 e le indagini sono in corso, mentre Penelope Cruz e Marion Cotillard sono anche due nomi in corsa. Secondo quanto si legge su Variety, il comitato di selezione del festival diretto da Thierry Fremaux, sarebbe stato inondato di proposte in ritardo ed è ora nel bel mezzo delle scelte. Alcuni rumors sono ricorrenti, altri inediti come quello che vedrebbe in concorso un nuovo misterioso film di David Lynch con protagonista Laura Dern.
E sempre dagli Usa "Three Thousand Years of Longing" ("Tremila anni di nostalgia"), il fantasy epico di George Miller con Tilda Swinton e Idris Elba; "I crimini del futuro" di David Cronenberg con Léa Seydoux, Kristen Stewart e Viggo Mortensen; e "Showing Up" di Kelly Reichardt al quarto film con Michelle Williams. Dall'Italia altamente probabili in gara due film che sono anche in coproduzione francese: L'immensità, il grande ritorno di Emanuele Crialese (Respiro) con un film interpretato da Penelope Cruz, storia di una famiglia italiana negli anni '70 e Pietro Marcello con Scarlet, un drama in francese con elementi musical e fantasy con Louis Garrel e Noémie Lvovsky ambientato in Normadia tra le due guerre mondiali. L'altro film precedentemente anticipato, Bones and All di Luca Guadagnino con Timothée Chalamet, a quanto risulta è slittato come uscita verso l'autunno (andrà alla Mostra di Venezia?). Un nome importante, ancor più con la guerra in corso e il bando delle delegazioni ufficiali russe, e che forse sarà annunciato dopo il 14 aprile, è quello del regista Kirill Serebrennikov, ora in Germania dopo che è scaduto il divieto triennale di viaggio dalla Russia. L'autore della Petrov's Flu sta ultimando Tchaikovsky Wife. Dalla Francia Léa Mysius, l'emergente regista di "Ava" e co-sceneggiatrice di "Parigi, 13° distretto" di Jacques Audiard, il cui ultimo film "Les cinq diables" vede protagonista Adèle Exarchopoulos ("Il blu è il colore più caldo"). E poi Arnaud Desplechin con Brother and Sister con Marion Cotillard e Melvil Poupaud. Immancabili a quanto sembra i Dardenne, Luc e Jean-Pierre 'Tori et Lokita', due giovani profughi africani che vengono esiliati in Belgio. E Ruben Ostlund con Triangle of Sadness" con Woody Harrelson capitano di una crociera per super ricchi sullo yacht Cristina O. Dall'Oriente in arrivo i giapponesi Fukada Koji con "Love Life" e Koreeda Kirokazu con "Broker". E "Decision to Leave" del sudcoreano Park Chan-wook

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie