Cultura
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Cinema
  4. Stringimi forte, in fuga con le cicatrici del dolore

Stringimi forte, in fuga con le cicatrici del dolore

In sala film di Amalric che poi sarà protagonista per Moretti

Ricordi e prospettive, flashback e flashforward, per la nuova regia Mathieu Amalric ha scelto una storia che è una sorta di fiaba nera, un film coraggioso su una giovane donna alle prese con le cicatrici del lutto, cui i ricordi e i sensi di colpa rendono ancora più profonde.
Protagonista una straordinaria Vicky Krieps (l'interprete lussemburghese lanciata da Paul Thomas Anderson in Il filo nascosto). Presentato nella sezione Cannes Première del 74° Festival di Cannes, Stringimi Forte (Serre-moi fort) è stato designato Film della Critica dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani ed arriva in sala il 27 gennaio da Movies Inspired.
Una mattina, Clarisse (Vicky Krieps) , moglie e madre di due bambini, prepara il bagaglio, entra nella sua auto e parte, abbandonando la casa dove vive con il marito e i figli, ma non sarà l'unico viaggio in macchina di questa vicenda. C'è una tragica vicenda al centro, il bilancio di una vita, i precipizi che non si sarebbero mai voluti vivere e il tentativo dolce, inutile, triste di riavvolgere il nastro dell'esistenza.
"Mettendo in scena un viaggio in macchina come fosse una lunga elaborazione del lutto, Amalric racconta il potere dell'immaginazione - e dunque del cinema - come unico cicatrizzatore possibile dei traumi, e lo fa attraverso un racconto che sa essere minimale e stratificato allo stesso tempo", è scritto nella motivazione del sindacato critici. La sceneggiatura è un libero adattamento della commedia Je reviens de loin di Claudine Galea. Il film corre su un filo da funamboli giocando costantemente sull'ambiguità e il dubbio di cosa sia davvero reale e cosa no: "L'unico modo, l'unico trucco a tua disposizione per far fronte alla tragedia è l'immaginazione" ha detto Amalric. "Volevo che il film parlasse dell'amore per la vita, e non del rispetto per la morte" e così durante lo svolgimento della storia vorresti che quello che Clarisse vive, come presa da un delirio, fosse reale, che i figli e il marito fossero lì con lei mentre lei racconta a se stessa che ci sono.
Un film di fantasmi e di dolore, di falso e di vero, di delirante e di reale senza cuciture, senza separazioni estetiche, in bilico come forse è la vita di tutti. "Mistero, negazione, condivisione. Questo è ciò che fa piangere, credo, perché le ombre si sono dissolte eppure galleggiano intorno a noi. È un impulso di vita magnifico. «Non è vero! Non è vero!», è il grido che spesso emerge quando si è di fronte all'orrore", dice ancora Amalric.
Il regista, che in Stringimi Forte, non recita sarà protagonista del prossimo film di Nanni Moretti, Il sol dell'avvenire, sul set il 21 marzo. (ANSA).

   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie