Cultura

Jungle Cruise, Blunt e 'the Rock' come Indiana Jones

Dal 28 luglio in sala e dal 30 in streaming su Disney+

ROMA - Un pizzico di Indiana Jones e di Pirata dei Caraibi, tanta giungla con animali feroci, cascate vertiginose, una spruzzata di mistero che potrebbe cambiare le sorti del mondo e l'ironia giusta per affrontare anche i più grandi pericoli. Eccoci entrati nel mondo Disney di JUNGLE CRUISE, film diretto da Jaume Collet-Serra e ambientato durante i primi anni del XX secolo e che prende il nome dalle giostre omonime comparse nei parchi giochi dal 1955, Dal 28 luglio in sala e dal 30 in streaming su Disney+.

Questa la storia. Frank (Dwayne Johnson, meglio conosciuto come 'The Rock'), capitano di un piccolo battello ma indomito, noto come La Quila, accetta di accompagnare nei meandri della selvaggia giungla amazzonica due esploratori inglesi, la scienziata Lily Houghton (Emily Blunt) e suo fratello McGregor (Jack Whitehall). La coppia è alla ricerca di un mitico albero che possiede straordinarie proprietà curative: l'Albero della Vita. La scoperta dell'arbusto potrebbe cambiare il futuro della medicina e salvare le sorti dell'umanità. Il gruppo dovrà vedersela non solo con i pericoli che la giungla nasconde, i suoi veri abitanti, gli animali selvatici, che non perderanno occasione per attaccarli, ma anche con un'altra spedizione rivale tedesca, spietata e senza alcuno scrupolo.

"Volevamo con questo film - dice Emily Blunt nella Global Conference di stanotte condivisa con Johnson, Whitehall e Edgar Ramírez - come rivitalizzare la generazione attuale e le generazioni future È stato immensamente gratificante e per farlo dovevamo solo toccare una corda, ovvero quell spirito dei film con i quali noi tutti siamo cresciuti, capolavori come Indiana Jones e La Regina d'Africa". "La sceneggiatura era davvero buona e ho immediatamente visto il suo grande potenziale come l'opportunità di fare una corsa indietro nel tempo nei parchi Disney a cui questo film è ispirato. Mi sono detto salirò a bordo di questa avventura e svilupperemo questa cosa trovando ovviamente il mio coprotagonista femmina un po' come un Indiana Jones", spiega invece 'The Rock'. E Johnson, va detto, era stata colpito da Emily Blunt sin da IL DIAVOLO VESTE PRADA, aveva subito capito che sarebbe stata lei la sua partner ideale in un film concepito come un gioco a due mani. "L'ho sempre ammirata come attrice, ma anche quando la guardavo nei talk show, aveva una personalità effervescente, fresca e molto, molto affascinante e poi tra noi è stata subito chimica". Dice poi del suo personaggio Emily Blunt : "Lei è un'intrepida esploratrice che si avventura nell'Amazzonia alla ricerca dell'albero della vita e ha bisogno di scendere lungo il Rio delle Amazzoni. Sfortunatamente si imbatte nel personaggio di Frank Wolf, che non ha una lira, ma solo una barca tenuta insieme con del nastro adesivo. Da qui per loro l'avventura di una vita". Dwayne Johnson, ex wrestler statunitense di origini canadesi e samoane che del film è anche co-produttore, spiega: "Questo film è un'opportunità di carriera sia per Emily che per me, ovvero quella di realizzare un film basato su un iconico parco giochi Disney che le famiglie di tante generazioni hanno apprezzato in tutto il mondo".

Ci sono dei nessi tra Mary Poppins e la scienziata Lily Houghton? "Oh mio Dio - dice la Blunt -, non credo che lei sia altrettanto magica. Sono ordinata, ma non sono perfettina come lei, insomma, almeno nella vita, sono un po' confusionaria proprio come Lily". Infine, una curiosità. Quando Disneyland, il parco a tema di Walt Disney, aprì i battenti nel 1955, Jungle Cruise fu una delle prime attrazioni di Adventureland ad entusiasmare folle di visitatori. Tuttora popolare, l'avventura sulle barche di Jungle Cruise è ancora operativa nel parco originale di Anaheim, in California oltre che al Magic Kingdom di Walt Disney World in Florida e nei parchi internazionali di Tokyo Disneyland e Hong Kong Disneyland.


   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie