Cultura

Videocittà, dall'immersione nell'oceano alla Michielin

Dal 15 al 19 settembre. Il tema è People planet aspettando G20

ROMA - Un'esperienza avvolgente nei colori e nella vita dell'Oceano attraverso l'installazione Atlas Ocean Data dello studio Ouchhh di Istanbul (protagonista nella rassegna anche di un incontro creativo con Francesca Michielin che unisce concerto e l'intelligenza artificiale), per riflettere sull'importanza del mare come origine e fonte di vita, indispensabile per la salute del pianeta e dei suoi abitanti. E' l'evento che aprirà a Roma, con palcoscenici come il Palazzo dei Congressi e il Giardino delle Cascate all'Eur, l'edizione 2021 di Videocittà (15-19 settembre), il festival della Visione ideato dal presidente dell'Anica Francesco Rutelli, dedicato alle discipline ed espressioni delle immagini in movimento attraverso proiezioni, performance live, talk formativi e divulgativi, realtà virtuale, videomapping e videoarte.

Questa quarta edizione della manifestazione, organizzata con Eur Spa, Eni Main Partner, con il contributo di Regione Lazio, Camera di Commercio di Roma e Unioncamere Lazio, in collaborazione con Anica, punterà i riflettori sul tema People and Planet, "perché innanzitutto siamo all'Eur dove un mese dopo Videocittà si ospiterà il G20 che ha per titolo 'People, planet e prosperity', ma soprattutto perché c'è una schiera di nuovi creators, che riescono a essere influenti sulla società attraverso i contenuti" spiega il direttore artistico Francesco Dobrovich. "Ogni edizione riserva grandi novità: se le prime due, fuori della pandemia, hanno visto la partecipazione di oltre 400.000 persone ad eventi di alta qualità artistica e tecnologica, la quarta, come la precedente, punta su un incontro tra esperienze visuali fisiche, sempre in pieno rispetto delle misure anticovid e online" spiega Rutelli. Come Anica "siamo per le sale, siamo i grandi difensori dell'esperienza del cinema in sala, è la vocazione di questa associazione che ha 80 anni di vita. Allo stesso tempo sappiamo che l'industria e il processo creativo sono sempre più integrati e Videocittà è una palestra di questo". Tra le chicche del programma (che si svilupperà poi online lungo tutto l'anno), le opere di 12 grandi artisti mondiali della videoarte, in proiezioni monumentali curate da Damiana Leoni e Ra di Martino; fra queste il collettivo russo Aes+F, già animatore del padiglione russo alla 55/a Biennale d'Arte di Venezia, presenterà Turandot 2070.

Ci saranno inoltre, tra gli altri: 'A partire dalla coda' viaggio nell'animazione italiana di Gianluigi Toccafondo; la live performance di Myss Keta, animata da contenuti video ad hoc curati da Lorenza Liguori e Nonotak studio, progetto della francese Noemi Schipfer e il giapponese Takami Nakamoto che lavorano con performance, installazioni luminose e suoni per creare ambienti immersivi e onirici. Per il gran finale, il tributo a John Williams con un'orchestra di oltre sessanta musicisti, in collaborazione con il Conservatorio di Santa Cecilia, in uno spettacolo mozzafiato che unisce le grandi colonne sonore del compositore (da Star Wars a Schindler's list) a proiezioni sulla facciata del Palazzo dei Congressi. A seguire Direct 2 Brain creerà un videomapping dedicato al Pianeta Terra. "Questa particolare edizione, ad impatto zero, è perfettamente allineata al tema del prossimo G20 che terremo all''Eur - dice Alberto Sasso, presidente di Eur Spa -. Un'occasione importante per presentare Roma al mondo come città storica capace di interpretare il futuro attraverso innovazione, bellezza e sostenibilità".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie