Cultura

Cinema: Zabut Festival, in gara 2.000 pellicole da 106 Paesi

Nel Messinese, sesta edizione dal 22 al 25 luglio

(ANSA) - SANTA TERESA DI RIVA, 14 GIU - Zabut, un nome che rievoca antiche atmosfere arabe miste al sapore della Sicilia, un nome che racconta una cultura lontana diventata parte della tradizione e che oggi stimola l'immaginazione. E' il nome di Zabut Festival, ideato dall''associazione Taglio di Rema, giunge quest'anno alla sua sesta edizione, in programma dal 22 al 25 luglio a Santa Teresa di Riva, nel Messinese. Sono oltre 2.000 infatti le pellicole giunte da 106 Paesi nel mondo, che fanno aggiungere tanti segnaposto sul mappamondo del Festival, ampliando anche le tematiche affrontate. I selezionatori sono al lavoro per scegliere le finaliste che si contenderanno i quattro premi in palio: il miglior cortometraggio, la miglior colonna sonora, il premio del pubblico e il premio esterno assegnato dal Cinit-Cineforum Italiano dedicato al cortometraggio che "meglio rappresenta i valori della solidarietà e dell'inclusione". La terra di Sicilia con le sue tradizioni e il cinema d'avanguardia si fondono nel manifesto dell'edizione 2021, nato dalla matita del graphic designer Antonello Mantarro, un omaggio al teatro dei pupi e alla tecnica della stop motion. I pupi, animati dai pupari, raccontavano storie di guerra, di amicizia, di odio e di amore. Proprio come oggi fanno i "puppets", azionati in stop motion dai moderni cantastorie. Il pupo si trasforma così in un robot e, in una chiave surreale postmoderna, ci guida verso la sesta edizione di Zabut. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie