Incassi, Nomadland resta in vetta, Allen secondo

Aumentano le sale, scendono il box office e gli spettatori

Nomadland di Chloé Zhao resta il film più visto nelle sale italiane nel week end, con 219.107 euro, confermandosi in vetta anche per media sala (1.165), secondo i dati Cinetel, in un fine settimane di luci ed ombre. E' salito il numero totale di schermi attivi, da 414 a 658, ma scendono il totale degli incassi, pari a 435.875 euro rispetto ai 615.859 della scorsa settimana, e il numero di spettatori, nel week end 66.285 (rispetto ai 91.064 dello scorso fine settimana). Tornando alla top ten, al secondo posto debutta debutta Rifkin's Festival di Woody Allen (98.342). Scendono entrambi di una posizione Minari (ora 3/o) e la versione restaurata di In the mood for love (4). Al quinto e sesto posto posto due new entry: Due di Filippo Meneghetti, che era stato candidato dalla Francia agli Oscar, e Corpus Christi di Jan Komasa, candidato dalla Polonia. Al settimo posto, tre posizioni in meno rispetto a sette giorni fa, la dramedy Est - Dittatura last minute di Antonio Pisu con Lodo Guenzi.
    Esordisce ottavo il noir Fino all'ultimo indizio di John Lee Hancock (che aveva esordito in piattaforma) con i tre premi Oscar Denzel Washington, Jared Leto e Rami Malek. Passa da quinto a nono l'Orso d'oro a Berlino Sesso Sfortunato O Follie Porno di Radu Jude. Chiude la top ten la commedia Un divano a Tunisi di Manele Labidi. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie