Annette di Leos Carax aprirà il festival di Cannes

Protagonisti Marion Cotillard e Adam Driver

Mentre gli Oscar, posticipati di due mesi e ormai alle porte il 25 aprile, sono previsti in una versione ibrida con l'iconico Dolby Theatre di Los Angeles tradizionale location, accanto ad altri set sparsi tra cui la L.A. Union Station, per consentire la cerimonia delle statuette in presenza ma con rigidi protocolli di distanziamento e i collegamenti zoom ridotti al minino, Cannes avanza a marce forzate verso le date stabilite di luglio (6-17), ansioso di rivendicare il proprio ruolo centrale nel sistema dei festival dopo lo stop del 2020 e di avere una edizione di rinascita tutta in presenza.
E' stato annunciato il film di apertura: ANNETTE, il primo film in lingua inglese del talento anticonvenzionale poetico e traboccante del cinema francese Leos Carax, ambizioso sin dal cast. Protagonisti la diva francese premio Oscar Marion Cotillard e Adam Driver (Star Wars, Hungry Hearts, BlacKkKlansman, Storia di un matrimonio, attualmente protagonista nel ruolo di Maurizio Gucci nel film che Ridley Scott sta girando in Italia con Lady Gaga, House of Gucci). Aprirà il 74° festival il 6 luglio e uscirà in contemporanea nelle sale francesi.
La storia, da un'idea originale dello stesso regista di Holy Motors e degli Amanti del Pont-Neuf, è ambientata in una Los Angeles contemporanea e racconta di Henry, uno stand-up comedian con uno spiccato senso dell'umorismo, e Ann, cantante di fama internazionale. Sul palcoscenico sono la coppia perfetta, felici, pieni di salute e radiosi. La nascita della prima figlia Annette, una bambina misteriosa con un destino eccezionale, cambierà la loro esistenza.
"Consapevole dell'evoluzione della situazione della sanità pubblica in Europa e nel mondo e della riapertura dei luoghi culturali a metà maggio, il Festival di Cannes prosegue con fiducia e determinazione la programmazione della sua prossima edizione" dicono gli organizzatori. Il musical Annette è un altro tassello del festival che avrà Spike Lee presidente di giuria (già designato a presiedere lo scorso anno e ora confermato) e un cartellone 2020 in parte congelato e che dovrebbe confluire nel programma di quest'anno che "sarà annunciato alla fine di maggio".
Film molto attesi che si sono fermati per la pandemia, resistendo alle sirene dello streaming, convinti che il destino fosse il debutto a Cannes e poi le sale finalmente riaperte. La pandemia in oltre 12 mesi ci ha insegnato a non dare nulla per scontato, neppure l'ovvio, in tutti i campi incluso il cinema, ma se tutto va come previsto nel cartellone che Thierry Fremaux sta mettendo a punto, oltre certamente a novità, ci saranno The French Dispatch, decima regia di Wes Anderson (da tutti dato per l'apertura tra l'altro), una lettera d'amore ai giornalisti ispirata al New Yorker con protagonista un cast corale che va da Bill Murray a Timothée Chalamet, e Tre Piani di Nanni Moretti, trasposizione in Italia del romanzo di Eshkol Nevo, con Riccardo Scamarcio, Margherita Buy, Alba Rohrwacher, Adriano Giannini, il primo film del regista da un soggetto non originale. "Ogni film di Carax è un evento, e questo lavoro mantiene tutte le aspettative - ha dichiarato Pierre Lescure, presidente del Festival di Cannes -. Annette è un vero regalo per gli amanti del cinema, della musica e della cultura in generale, il titolo che stavamo aspettando dopo l'ultimo, durissimo anno". "Tutta l'opera di Carax è un'espressione di quelle alchimie misteriose che sono il segreto del cinema, fatto insieme di modernità ed eternità", ha aggiunto il delegato generale Thierry Frémaux.
Intanto il Marché di Cannes dopo aver ricevuto le risposte di un sondaggio di 700 operatori de settore si è spostato con le proiezioni del pre-festival da maggio al mese successivo (21-25 giugno), due settimane prima del mercato vero e proprio (6-15 luglio), l'appuntamento che tradizionalmente porta buyers da tutto il mondo sulla Croisette

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie