Gucci, appello a Ridley Scott per rispetto privato famiglia

Si teme che film va oltre la rappresentazione dell'omicidio

(ANSA) - NEW YORK, 15 APR - La famiglia Gucci teme che il film Gucci superi il confine della mera rappresentazione di cronaca dell'omicidio del presidente della casa di moda Maurizio per mettere il naso invece in affari privati. Per questo la stessa famiglia ha chiesto al regista Ridley Scott il rispetto di tale privato. Il film, The House of Gucci, è basato sul libro che parla dell'omicidio di Maurizio nel 1995 ed ha come protagonista, tra gli altri, Lady Gaga nel ruolo di Patrizia Reggiani, condannata a 26 anni per l'omicidio del marito Maurizio Gucci.
    "Siamo davvero contrariati - ha detto Patrizia Gucci, cugina di Maurizio - e parlo a nome della famiglia - che si sta rubando l'identità di una famiglia per fare profitti, per incrementare gli incassi del sistema Hollywood. La nostra famiglia ha un'identità, una privacy. Parliamo di tutto ma c'è una linea che non può essere superata.
    La donna ha detto anche di aver fatto un tentativo con la moglie di Scott, Giannina Facio, per avere dei chiarimenti sullo scopo del film ma finora non ha avuto risposte. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie