Suzanne Lindon incanta Toronto

Primo film della ventenne regista francese debutta a festival

Le sedici primavere di Suzanne Lindon incantano e inquietano Toronto: "Spring Blossom" (titolo originale "Seize Printemps") dell'esordiente giovanissima regista francese è stato presentato al Festival Internazionale del Cinema.
    La disarmante e allo stesso tempo problematica storia d'amore tra una sedicenne parigina che si chiama Suzanne come lei e un uomo di vent'anni piu' vecchio era stato selezionato per il Festival di Cannes ma la pandemia da Coronavirus aveva costretto al rinvio. "E' un film che pone molti interrogativi", ha commentato l'"Hollywood Reporter" osservando che il fatto che la Lindon reciti nella parte della protagonista, una liceale intelligente ma a disagio con i suoi coetanei ma che nella realta' della vita abbia gia' vent'anni aggiunge un ulteriore strato di complicazione a un soggetto potenzialmente controverso: se non in Francia dove l'eta' del consenso e' a 15 anni, certamente in Nordamerica e in una Hollywood alle prese con gli scandali #MeToo.
    "Ho scritto la sceneggiatura cinque anni fa, l'estate prima di andare al liceo. Non avevo molti amici, i miei compagni mi annoiavano e sognavo di innamorarmi di un disadattato come me, un po' piu' vecchio ma che fosse allo stesso punto di me nella vita", ha spiegato la regista-attrice che ha gia' recitato giovanissima nella serie tv francese "Dix pour cent" ("Call My Agent") ed e' figlia di due attori famosi, Vincent Lindon (premiato a Cannes per "La legge del Mercato") e Sandrine Kiberlain ("Les Patriotes"). (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie