Zenimation, viaggi zen con Disney da Tarzan a Frozen

Su Disney+ serie omaggio a mondo visivo e sonoro film animati

Ascese dalla terra al cielo, oltre le le nuvole, fino all'Olimpo in Hercules o per raggiungere le navi volanti del Pianeta del Tesoro; l'ubriacatura di colori e suoni del cyberspazio in Ralph spacca internet; l''uomo scimmia' e Jane che si sfiorano per la prima volta le mani in Tarzan. La spericolata corsa di Elsa a filo sul mare grazie a Nokk, spirito d'acqua che si manifesta sotto forma di cavallo in Frozen 2 - Il segreto di Arendelle. Tessiture di cinema, animazione, emozioni e suggestioni sensoriali che la Disney raccoglie in Zenimation, la nuova serie antologica divisa in 10 mini percorsi tematici (fra gli altri, Acqua, Notte, Il Volo, Scoprire, Serenità, Leggerezza) con puntate di circa 5 minuti ognuna, al debutto sulla piattaforma Disney+.
'Rinfresca i tuoi sensi con un momento di consapevolezza': è lo slogan degli episodi, che guidano il pubblico in immersioni originali e antistress nei capolavori e nei film animati meno conosciuti della Casa Madre di Topolino. La serie, creata e montata da David Bess (La principessa e il ranocchio, Rapunzel) nasce per rendere omaggio "agli artisti dell'immagine e del suono che hanno fatto la storia de film dei Walt Disney Animation Studios". Scene iconiche e altre da riscoprire, 'scrivono' senza soluzione di continuità nuove storie.
Composizioni dominate dalla ri-creazione dei suoni 'naturali' (sono state tolte le colonne sonore) ed evitando atmosfere documentaristiche (non sono indicati i titoli delle pellicole e non ci sono voci narranti). Si viaggia con Vaiana a bordo di canoe e poliscafi di Oceania o con il piccolo Cody in groppa all'aquila Marahute in Bianca e Bernie nella terra dei canguri. Si sorvola San Fransokyo con Hiro Hamada (Big hero 6) o si sale sul tappeto volante di Aladdin. Ci si aggrega all'eterno bambino Peter Pan con Wendy, Gianni e Michele nel giro sopra i tetti di Londra, o a nuotare in fondo al mare con la Sirenetta si sale sulle scale mobili all'arrivo nella stazione di Zootropolis o con Tiana sui tram di New Orleans in La principessa e il ranocchio. Anna ci porta a scoprire il castello di ghiaccio creato dalla sorella in Frozen mentre Lewis condivide la corsa sull'astronave de I Robinson - Una famiglia spaziale. I panorami urbani spaziano dalle visioni fantasy alla Parigi ottocentesca di Il gobbo di Notre Dame. Vengono evocati simboli di leggende millenarie o ispirati da religioni animiste (Oceania, Pocahontas).
Lo sguardo di David Bess ci fa esplorare gli ambienti insieme ai personaggi. Ci si ritrova così con Belle, per la prima volta nella libreria nel castello incantato di La Bella e la Bestia e con James Thatch che osserva dall'alto le enormi statue monolitiche di Atlantis - L'impero perduto. Scopriamo la savana nello sguardo del cucciolo Simba (Il re leone) e si corre nella Città imperiale guardando i fuochi d'artificio (Mulan) .
Un affresco oltre ogni pregiudizio, che unisce culture e differenze di credo e tradizioni, voglia di passato e di futuro.
Senza dimenticare due ingredienti fondamentali nel racconto Disney: la centralità delle famiglie declinate nelle forme più diverse e dell'amicizia. Dalle stirpi reali, al legame fra Hiro e il morbido e candido robot infermiere Baymax.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie