• Morta Laura Antonelli: icona sexy anni '70, la diva di 'Malizia' e di Visconti. Belmondo: "Compagna adorabile"

Morta Laura Antonelli: icona sexy anni '70, la diva di 'Malizia' e di Visconti. Belmondo: "Compagna adorabile"

A dare l'allarme stamattina intorno alle 8.30 è stata la donna delle pulizie che l'ha trovata per terra in casa

E' morta, probabilmente stroncata da un infarto, l'attrice Laura Antonelli, icona sexy anni '70 con una vita tormentata. A novembre avrebbe compiuto 74 anni. Il suo corpo è stato trovato per terra in casa, nel Comune a 37 Km da Roma, dalla donna delle pulizie. 

Un biglietto: "Avvisate mio fratello, Banfi e Claudia Koll" - Il fratello Claudio, uno dei parroci di Ladispoli, l'attore Lino Banfi e l'ex attrice Claudia Koll: sono gli ultimi amici, quelli veri, che Laura Antonelli ha chiesto di chiamare quando sarebbe morta. Lo ha scritto su un biglietto.

Jean-Paul Belmondo, per anni compagno dell'attrice, la ricorda "prima di tutto una compagna adorabile, dallo charme eccezionale". 



Funerali e sepoltura - L'attrice sarà sepolta a Ladispoli per sua espressa volontà: qualche anno fa aveva acquistato un loculo. I funerali non saranno prima di giovedì-venerdì perché bisogna attendere l'arrivo del fratello Claudio dal Canada. La salma è stata trasferita nella sala mortuaria del cimitero in attesa che venga decisa la data dell'eventuale camera ardente. Questa mattina in via Napoli, davanti al condominio dove da oltre vent'anni viveva la celebre icona del cinema erotico degli anni '70, poche le persone a rendere omaggio all'artista. 

Per molti spettatori l'immagine di Laura Antonelli rimarra' sempre legata alla vestaglietta, succinta e ammiccante, che Salvatore Samperi le aveva imposto per il personaggio della cameriera di 'Malizia' (1973).

La vita dell'attrice e' stata segnata dalla vicenda giudiziaria iniziata nel '91, quando nella sua villa di Cerveteri furono trovate diverse dosi di cocaina. Un'odissea conclusa nove anni dopo con l'assoluzione della Antonelli, alla quale venne riconosciuto nel 2006 un risarcimento da parte dello Stato.

Depressa per le conseguenze di un intervento di chirurgia estetica che le aveva deturpato il bel volto, alle prese con la solitudine dopo la fine di alcune storie d'amore, Laura Antonelli aveva cercato rifugio nella cocaina.

Arrestata per traffico di sostanze stupefacenti, fu condannata in primo grado dal tribunale di Civitavecchia a tre anni e sei mesi di reclusione; nel marzo 2000, nove anni dopo, l'assoluzione da parte della Corte d'Appello di Roma. Per la vicenda, 'condita' di particolari che la trasformarono in caso di interesse nazionale, l'attrice ha presentato anche ricorso alla corte europea di Strasburgo

A Ladispoli si era trasferita da circa una decina di anni. Una casa composta da due camere, cucina e bagno. "E' stata trovata nella camera da pranzo - ha spiegato l'assessore ai servizi sociali del Comune di Ladispoli Roberto Usai - dalla badante, poi è arrivato il 118 che ha constatato il decesso e poi i carabinieri. L'autorità giudiziaria ha stabilito che ci sarà soltanto l'esame autoptico e non l'autopsia".

Una scena di Malizia (VIDEO)

 

 Laura Antonelli ebbe un'infanzia da profuga. Nata nel 1941 a Pola, la città dell'Istria che oggi appartiene alla Croazia, era di famiglia istriana. E con questa fece parte dell'esodo dei 300 mila istriani che fuggirono dalla ex Jugoslavia per trovare riparo in Italia. Non a caso la Antonelli faceva parte del gruppo delle "bellissime quattro" dalmato-istriane, insieme con Femi Benussi, Alida Valli e Sylva Koscina. L'attrice aveva frequentato gli studi superiori a Napoli dove poi si era anche diplomata in educazione fisica. Da lì si trasferì a Roma con la famiglia.

Laura Antonelli ha girato il suo primo film nel 1969, 'Le malizie di Venere', diretto nel 1969 da Massimo Dallamano e bloccato dalla censura. L'anno dopo ha ottenuto il primo successo, a fianco di Lando Buzzanca, nel 'Merlo maschio' di Pasquale Festa Campanile. Dopo il trionfo di 'Malizia' (sette miliardi d'incasso nel '73, quando il biglietto del cinema costava mille lire), la bellezza prorompente, genuina e 'antica' della Antonelli ha attratto prima Giuseppe Patroni Griffi, che la volle per 'La divina creatura' (1975), e poi Luchino Visconti che le affido' il ruolo della moglie di Giancarlo Giannini ne 'L'innocente' (1976) da Gabriele D'Annunzio.

Ma l'attrice ha avuto miglior fortuna nelle commedie: da 'Sessomatto' di Dino Risi a 'Mio Dio come sono caduta in basso' di Luigi Comencini in cui faceva la parodia delle eroine dannunziane. La Antonelli ha recitato poi a fianco di Jean Paul Belmondo in 'Trappola per un lupo' di Claude Chabrol, con Mauro Bolognini in 'Gran bollito', con Ettore Scola in 'Passione d'amore'. Due volte si e' cimentata con Moliere, nelle riduzioni farsesche del 'Malato immaginario' e dell''Avaro', accanto ad Alberto Sordi. Si e' vista anche in 'Rimini Rimini' e nella 'Venexiana' dove contendeva con successo a Monica Guerritore l'amore di un giovane sfruttando le armi, neanche a dirlo, della malizia. Negli ultimi anni ha scelto di vivere sempre piu' appartata.

   Tra le sue ultime apparizioni, due ruoli da protagonista in tv: negli 'Indifferenti' di Bolognini, tratto da Alberto Moravia, e in 'Disperatamente Giulia' di Enrico Maria Salerno, trasmessi su Canale 5 nel 1988 e nel 1990.

"Una grande fragilità e un'altrettanto grande bontà. La sua morte mi rattrista enormemente e mi fa restare con l'angoscia di non averla aiutata abbastanza. Un'attrice così bella e brava non doveva finire così", racconta all'ANSA Lino Banfi commosso per la scomparsa di Laura Antonelli che era stata sua collega nei film e che aveva incontrato qualche anno fa dopo tanti anni trovandola in grande stato d'indigenza.

L'OMAGGIO DI SIMONE CRISTICCHI A LAURA ANTONELLI

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie