Cultura
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Arte
  4. L'arte del tatuaggio in scena l'1 e 2 ottobre a Roma

L'arte del tatuaggio in scena l'1 e 2 ottobre a Roma

L'hotel Ergife Palace ospita la 22ma International Tattoo Expo

(ANSA) - ROMA, 18 SET - La cultura e l'arte del tatuaggio saranno protagonisti l'1 e il 2 ottobre all'Ergife Palace Hotel di Roma, dove andrà in scena la ventiduesima edizione della 'International Tattoo Expo Roma': oltre 350 tra i migliori artisti della scena mondiale esibiranno le loro opere e le imprimeranno nella pelle degli appassionati della decorazione pittorica del proprio corpo, il tutto tra musica e spettacoli a tema. Tra gli ospiti anche il rapper e tatuatore romano Noyz Narcos.
    La manifestazione torna così quest'anno nella sua sede storica, "la location - spiegano gli organizzatori - che in oltre 20 anni di storia l'ha vista crescere e imporsi all'attenzione del panorama internazionale. Con la collaborazione di Legacy Tattoo Academy e Drago Publisher, abbiamo deciso di riformare la struttura dell'evento: il nostro scopo è quello di essere un 'faro' per gli artisti di tutto il mondo, che per troppo tempo hanno disertato la scena romana. In quest'ottica - proseguono i promotori della manifestazione - va inquadrato anche il gemellaggio con la Capitol City Classic Tattoo Convention di Sacramento, in California. Questa collaborazione porterà a uno scambio di artisti e contenuti tra i due eventi. Da sempre quella romana è stata innovativa nel campo delle manifestazioni dedicate al tatuaggio: in Italia è stata la prima a tenersi in un hotel, ad avere veri e propri 'tattoo contest' divisi per categorie, a offrire ai vincitori dei premi poi diventati uno standard a livello mondiale".
    "Significativo - sottolineano ancora gli organizzatori della International Tattoo Expo Roma - è il ritorno nella sede storica dell'Ergife Palace: una location a cui moltissimi artisti sono legati da un filo emozionale lungo oltre 20 anni, che abbiamo intenzione di ripercorrere a ritroso per ritrovare quello spirito 'puro' che ha contraddistinto il tatuaggio dei primi anni Duemila. Abbiamo deciso di ridurre drasticamente il numero dei partecipanti per portare al massimo il livello qualitativo in termini di perizia e qualità artistica: pur continuando a offrire tutti gli stili del tatuaggio, sono state invitate solo le eccellenze riconosciute per ogni singolo stile". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        In Collaborazione con

        Vai al sito del Maxxi

        Modifica consenso Cookie