Cultura
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Arte
  4. Antonietta Raphael, in mostra la straniera di passaggio

Antonietta Raphael, in mostra la straniera di passaggio

Alla Gnam personale dell'artista della Scuola romana

(ANSA) - ROMA, 17 NOV - Donna indipendente e anticonformista.
    Anima dalle fortissime radici culturali ma con una spiccata vocazione europea. Talento nutrito dai più vivi fermenti artistici del primo Novecento, capace di passare dalla carta ("il disegno prima di tutto", diceva) alla tela e ancora alla materia (passando per il violino), con quelle sculture così grandi che qualcuno dubitava fossero forgiate da mani femminili.
    Troppo a lungo Antonietta Raphael (Kaunas 1895 - Roma 1975) è stata vampirizzata da una consuetudine al maschile che spesso (ancora) colpisce le donne nell'arte, oltre che oscurata da quell'unione con il padre delle sue figlie, il pittore Mario Mafai. Oggi è la Galleria Nazionale d'arte moderna e contemporanea di Roma a raccontarla con "Antonietta Raphael.
    Attraverso lo specchio" (fino al 30 gennaio), mostra curata da Giorgia Calò e Alessandra Troncone, con la supervisione scientifica della figlia Giulia Mafai (scomparsa appena due mesi fa) e la collaborazione di Ariel Mafai Giorgi. "La straniera di passaggio, così la presentava Mafai", raccontano le curatrici, che hanno costruito un percorso attraverso la sua ricca produzione, fatto di rimandi e sdoppiamenti, "allo specchio", appunto.
    Quattro le aree tematiche: l'autoritratto con anche il celebre dipinto che la vede in tuta blu da lavoro e molti "riflessi" nelle opere di Mafai; la femminilità e maternità, con il drammatico Il parto (quando ebbe la prima figlia la Raphael era sola e non sposata nella Firenze del 1926) e la scultura Tre sorelle; le origini ebraiche, con la Giuditta e Oloferne che, secondo alcuni, ha il volto dello stesso Mafai; e infine il suo entourage con i ritratti di figure chiave come Giacomo Manzù e Renato Guttuso. "Tra gli inediti - aggiungono le curatrici - il passaporto che si temeva perduto, con la data di nascita visibilmente modificata, forse per ridurre la differenza di età con Mafai. E il ritratto di Giuseppe Berti". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie